Giarre, criticità nella Zona artigianale. Lettera aperta del presidente dell'Ula Claai Bonaccorso al Sindaco -
Catania
25°

Giarre, criticità nella Zona artigianale. Lettera aperta del presidente dell’Ula Claai Bonaccorso al Sindaco

Giarre, criticità nella Zona artigianale. Lettera aperta del presidente dell’Ula Claai Bonaccorso al Sindaco

Lettera aperta del presidente dell’Ula Claai Diego Bonaccorso all’amministrazione comunale su alcune criticità che interessano non solo la Zona Artigianale e altre zone nevralgiche della città.

Nella missiva Bonaccorso rimarca alcuni precisi aspetti. A cominciare dalla necessità di bonificare alcune aree di pertinenza comunale infestate da rovi e sterpaglie e che rappresentano un potenziale pericolo per via delle temperature estive.

Il cimitero comunale di Trepunti è certamente il caso più emblematico per le condizioni in cui versa. Senza contare le discariche disseminate sul territorio per le quali si rende necessario, al fine di contrastare il fenomeno, implementare il numero delle telecamere così da individuare o scoraggiare l’inciviltà di tante persone, evitando, in tal modo, il ripetersi di questo atavico scempio che si estende a macchia di leopardo in tutta la città. Un fenomeno che, purtroppo – osserva Bonaccorso – non risparmia la Zona artigianale considerata solo un “bancomat” dalle amministrazioni che si sono susseguite per la rendita derivante dai capannoni.

Lei, sindaco – scrive Bonaccorso – si renderà perfettamente conto che per chi ha dedicato gli anni migliori della propria vita mi si stringe il cuore nel vederla nello stato in cui si trova.

Siamo convinti che Lei è il primo a non volere questo degrado diffuso. E tenuto conto del periodo che stiamo vivendo con temperature altissime; c’è solo da augurarsi che non accada il peggio nel caso di un malaugurato incendio, anche a ridosso della maxi discarica di inerti formatasi all’interno dell’area produttiva della Zona artigianale dove peraltro ricadono diversi bomboloni di gas che forniscono energia a diverse attività, per non parlare del problema igienico sanitario.

I nostri esperti  – scrive Bonaccorso – stanno verificando se nel contratto vi sono dei passaggi relativi alla pulizia interna dell’area artigianale a carico del Comune. La ringraziamo  per l’interesse e l’impegno che vorrà mettere in atto assieme all’assessore al ramo, per debellare questa indecenza che non fa onore alla nostra città e alla sua amministrazione”.

E in tema di criticità il presidente dell’Ula Claai Bonaccorso invita l’amministrazione ad intervenire nello slargo Cismon del grappa, “la cui area a verde necessita di interventi di manutenzione e di decoro (le bandiere sono da ripristinare) pensando ad un arredo appropriato per risaltare l’immagine visiva della nostra Giarre.

Sono piccoli segnali. Interventi che oggi a poco costo si possono realizzare. Infine chiediamo all’amministrazione qualche chiarimento riguardo la bretella allo stato incompiuta di via Luminaria che dell’uscita dell’autostrada – una volta realizzati i lavori – si raccorda con la SS.114. Un asse viario strategico e  indispensabile per lo scorrimento del traffico veicolare, specie in questo periodo evitando così quell’imbuto che determina lunghe code e disagi per gli automobilisti.  Tutto ciò contribuisce a migliorare l’immagine della città. Confido nel suo fattivo interessamento”.

Potrebbero interessarti anche