Giarre, la sede del Comando Compagnia cade a pezzi. Segnalata anche la presenza di eternit. Un nuovo caso Macchia? -
Catania
25°

Giarre, la sede del Comando Compagnia cade a pezzi. Segnalata anche la presenza di eternit. Un nuovo caso Macchia?

Giarre, la sede del Comando Compagnia cade a pezzi. Segnalata anche la presenza di eternit.  Un nuovo caso Macchia?

Il comando compagnia dei carabinieri di Giarre cade a pezzi. L’edificio è gravemente logorato dalle infiltrazioni e i mancati interventi potrebbero decretare come per lo stabile di Macchia, la chiusura della struttura militare.  Da lunghi anni si susseguono le segnalazioni dei vari comandanti all’amministrazione con cui si rilevano danni strutturali ai pilastri dell’edificio, presenza di infiltrazioni sulla copertura e vari inconvenienti strutturali che, con il trascorrere degli anni, si sono aggravati. Peggio. Accanto alla caserma vi sono anche dei pannelli di eternit che mettono a serio rischio la salute dei militari che operano nell’edificio e in generale dei residenti dell’intero agglomerato.

Dal punto di vista strutturale, si apprende, il quadro è particolarmente critico. E all’orizzonte c’è il rischio concreto che si verifichi, come detto,  un nuovo caso Macchia. Questa volta, Giarre, perderebbe la Compagnia e sarebbe un colpo mortale. Da lungo tempo si ipotizzano, poi, soluzioni di ampliamento della caserma di corso Sicilia, utilizzando gli attigui locali dell’ex Pretura, così da realizzare un Comando efficiente e in grado di rispondere alle esigenze del territorio.

L’attuale inadeguatezza dei locali della caserma, oltretutto non consente di implementare l’organico – vistosamente carente – con giovani carabinieri che per rimanere in servizio nella Compagnia di Giarre, necessiterebbero di alloggi che non vi sono.  Sulle condizioni strutturali del presidio dell’Arma il sindaco Angelo D’Anna afferma in una nota che “da anni è stato redatto un progetto esecutivo che prevede l’ampliamento della caserma con nuovi spazi e il miglioramento dei locali esistenti che ospitano la Compagnia, locali che risentono purtroppo dei limiti connessi ad una struttura utilizzata ormai da circa 50 anni. Ho in questi giorni sollecitato per reperire i finanziamenti necessari, certo che il supporto e la tutela delle nostre Forze dell’Ordine sia una priorità assoluta, condivisa dalle istituzioni ad ogni livello”.

Un intervento, quello del sindaco, vuoto di significato giacchè non cita alcun finanziamento in particolare ma che ha invece tutto il sapore di una promessa elettorale (le elezioni avanzano) che lascia il tempo che trova in una città sempre più irriconoscibile.

Potrebbero interessarti anche