Giarre, primo acceso Consiglio comunale della Fase 2 -
Catania
25°

Giarre, primo acceso Consiglio comunale della Fase 2

Giarre, primo acceso Consiglio comunale della Fase 2

Si è svolta ieri sera, dopo quasi tre mesi di sospensione a causa del Covid-19, una seduta di Consiglio comunale a Giarre. La seduta è stata sin dall’inizio caratterizzata da toni accesi soprattutto dovuti all’iniziale assenza dei rappresentanti dell’amministrazione. Tali assenze hanno scatenato le dure proteste del consigliere Giuseppe Leotta mentre Maurizio Arena, sempre per protesta, ha abbandonato l’aula.

Dopo 15 minuti di sospensione la seduta è ripresa con la presenza del sindaco Angelo D’Anna e del suo vice Patrizia Lionti che erano impegnati in una riunione di Giunta.

In via preliminare il consigliere Giuseppe Leotta ha sollecitato l’amministrazione per accelerare le procedure per rendere agibile la tribuna B dello stadio Regionale. Il sindaco D’Anna rispondendo in aula ha rassicurato che l’amministrazione tenterà di velocizzare.

Sempre in via preliminare il consigliere Francesco Cardillo, ha manifestato la sua sorpresa per “il silenzio del sindaco riguardo l’ultima operazione dei carabinieri che è sfociata in 46 arresti”. Il sindaco in aula ha affermato che “l’impegno delle forze dell’ordine è stato costante in una città dove si sono verificati fatti incresciosi. Mi esprimerò pubblicamente quanto prima”.

Conclusa la via preliminare si è passati alla trattazione del primo punto all’odg ovvero la nomina del terzo componente del collegio dei revisori. Prima di procedere al sorteggio del componente mancante il presidente della commissione bilancio Giannunzio Musumeci è intervenuto sul tema dell’adeguamento del compenso dei revisori che l’amministrazione era in procinto di applicare.

A tal proposito è stato redatto e presentato un emendamento, sottoscritto da 9 consiglieri, con cui si riconferma l’attuale compenso ai revisori senza alcun aumento; il vice segretario Maurizio Cannavò, valutata la proposta, ha espresso parere tecnico favorevole, e la stessa è stata votata in aula all’unanimità.

Così si è potuto passare al sorteggio del nuovo terzo componente del Collegio dei revisori, è stato estratto Carlo Sgrò di Torrenova (Messina), e dei tre supplenti, Salvatore Cannizzo, Pietro La Perna Pietro, Francesco Lembo.

La seduta, a questo punto, è stata rinviata a mercoledi prossimo 3 giugno alle 20 per dibattere sulla nota del ministero dell’interno in merito alle molteplici criticità riscontrate nel Bilancio riequilibrato approvato nel febbraio scorso.

Potrebbero interessarti anche