Mascali, sparatoria sulla via Giarre Nunziata: ipotesi regolamento. Uno dei due feriti in prognosi riservata -
Catania
12°

Mascali, sparatoria sulla via Giarre Nunziata: ipotesi regolamento. Uno dei due feriti in prognosi riservata

Mascali, sparatoria sulla via Giarre Nunziata: ipotesi regolamento. Uno dei due feriti in prognosi riservata

Indagini blindate e sotto il massimo riserbo quelle condotte dai carabinieri della compagnia di Giarre sulla sparatoria di ieri sera sulla via Giarre Nunziata, al confine con il territorio di Mascali.

Le vittime sono Giuseppe Viscuso 26 anni, di Giarre e Amedeo Puglisi, 33 anni, residente a Mascali, attinti da svariati colpi d’arma da fuoco calibro 7.65 (i Cc hanno repertato 4 bossoli sulla scena del crimine).

I due, ieri sera, poco dopo le 20.30, sono stati colpiti in varie parti del corpo (gambe, schiena, glutei). Ad agire uno o più sicari che hanno sparato all’impazzata. I due feriti sono stati soccorsi dal 118 e poi trasferiti uno al Cannizzaro e l’altro al Policlinico.

Viscuso ha riportato la frattura del femore destro con ferite multiple da arma da fuoco bilaterale. I medici del Cannizzaro, hanno assegnato 30 giorni di prognosi. Gravi, invece, le condizioni di Puglisi che ha riportato ferite al braccio destro, alla regione glutea bilaterale. La prognosi è riservata. L’uomo è ricoverato al Policlinico.

I carabinieri che piantonano le due vittime stanno ricostruendo tra non poche difficoltà l’accaduto, poichè i due feriti si sono dimostrati reticenti e poco collaborativi.

Relativamente alle indagini condotte dai Cc c’è l’ipotesi che i due uomini, uno dei quali, Amedeo Puglisi abita nella zona teatro del crimine, sarebbero stati chiamati da qualcuno al citofono di casa e, una volta usciti in strada, sarebbero rimasti vittime della sparatoria, di cui al momento non si conoscono responsabili e movente. Benché per modalità dell’agguato fanno pensare ad un regolamento e che forse non vi è stata la deliberata intenzione di uccidere ma di “avvertire”.

Potrebbero interessarti anche