Riposto, finanziato il progetto di riqualificazione del cine Musmeci -
Catania
12°

Riposto, finanziato il progetto di riqualificazione del cine Musmeci

Riposto, finanziato il progetto di riqualificazione del cine Musmeci

Nuove buone notizie per il cinema comunale Musmeci di Riposto. Il progetto di riqualificazione della struttura di via Gramsci per la quale il Comune di Riposto aveva aderito ad un bando dell’assessorato regionale ai Beni culturali, è stato ammesso a finanziamento. Per il progetto era stata preventivata una spesa di 300 mila euro, la Regione ne ha stanziato la somma di 230 mila euro.
Il sindaco di Riposto Enzo Caragliano ha espresso compiacimento: “È una bellissima notizia che sconfessa chi, in questi mesi, aveva dichiarato financo la morte di questo cinema, paventando scenari di ogni tipo. Alla fine conta il risultato ottenuto. Il cinema è stato di recente riaperto attraverso quel bando comunale che ha affidato la gestione a privati e adesso la conferma dello stanziamento regionale – dopo l’adesione al bando – per la riqualificazione dell’edificio di via Gramsci, il cui progetto è stato ritenuto tra i migliori e che ora è stato decretato dal governo Musumeci che ringraziamo. I fondi concessi, rispetto alla somma originaria, risentono di una leggera decurtazione, in questo senso Riposto è stato uno dei Comuni meno penalizzati proprio per la valenza del progetto. Avremo quindi un cinema-teatro all’altezza di una città importante come ls nostra”.
“Sarà possibile fare cinema – soggiunge l’assessore alla Cultura Carlo Copani – fruendo di una struttura che sarà tecnologicamente all’avanguardia con un proiettore di ultima generazione che potrà trasmettere in 4K con costi non elevati. Alla fine un progetto che permetterà ai cittadini ripostesi di riappropriarsi di uno spazio culturale a 360 gradi”.

IL PROGETTO: COME SARÀ IL NUOVO CINE-TEATRO

Lo scopo primario del progetto è quello di trasformare l’edificio di via Gramsci per ampliarne le possibilità di utilizzo e quindi dotare la città di una struttura più moderna e polifunzionale. Benché il bando preveda la possibilità di realizzare interventi di ristrutturazione e restauro, non si rende necessario intervenire sulla struttura portante con interventi di consolidamento, in quanto non sono presenti segni di lesioni o cedimenti. È invece prevista in progetto la demolizione delle pareti di fondo, sul lato est dell’edificio, ovvero la parte curva che allo stato funge da sostegno per lo schermo cinematografico e tutti i tramezzi tra di essa e la parete perimetrale, che attualmente delimitano dei servizi igienici, che risultano angusti. Gli interventi riguardano la realizzazione di un palcoscenico di dimensioni adeguate a poter ospitare anche spettacoli importanti. In questo quadro sono previste tutte quelle strutture prevalentemente prefabbricate, in alluminio, e gli elementi che costituiscono la cosiddetta “scatola scenica”.
Le attuali poltroncine saranno smontate per realizzare un palcoscenico di adeguate dimensioni, occupando lo spazio del primo settore più avanzato da 64 posti. Una parte delle poltroncine sarà riutilizzata collocandola sulle gradinate previste in progetto. Prevista la realizzazione di un foyer, che fungerà da locale in cui gli spettatori potranno intrattenersi, realizzando anche uno spazio bar e degli adeguati servizi igienici. Al fine di realizzare il foyer, migliorandone le condizioni di visibilità per gli spettatori, sarà realizzata una gradinata inclinata, in parte smontabile, sul solaio del nuovo foyer da realizzare. Per le proiezioni cinematografiche di prevede di utilizzare un retroproiettore da collocare sul fondo del nuovo palcoscenico; lo spazio retrostante il palcoscenico sarà utilizzato per camerini e deposito dei materiali di scena. Prevista la tinteggiatura di tutti i locali. Le uniche opere civili consistono nella ripittura e demolizione del muretto di sostegno del telo da proiezione

Potrebbero interessarti anche