Giardini Naxos: luci più economiche e meno inquinanti nelle strade cittadine -
Catania
21°

Giardini Naxos: luci più economiche e meno inquinanti nelle strade cittadine

Giardini Naxos: luci più economiche e meno inquinanti nelle strade cittadine

Sono stati appaltati i lavori per sostituire, in diverse vie del paese, le lampade a sodio con quelle a Led. L’intervento avrà un costo di poco più di cinquantamila euro, finanziati dal Governo nazionale

Tra qualche mese diverse strade di Giardini Naxos beneficeranno di una nuova pubblica illuminazione all’insegna dell’efficientamento energetico. L’Ufficio Tecnico Comunale della cittadina turistica ha infatti appaltato i lavori che prevedono l’installazione di 248 corpi illuminanti a tecnologia “L.E.D.” (Light Emitting Diode) in sostituzione di quelli di tipo “S.A.P.” (Sodio Alta Pressione).

Tra le arterie interessate all’intervento, dell’importo di €  53.515,71 (Iva esclusa), vi sono Via Consolare Valeria, Viale Dionisio, Via Apollo Arcageta, Via Vittorio Emanuele, Via Pancrazio De Pasquale e Via Teocle.

Ad aggiudicarsi i lavori, diretti dal tecnico comunale Giuseppe Cacciola, è stata la ditta catanese “Tuttorisolto Srl” di Orazio Savoca.

Come sottolinea il vicesindaco ed assessore alle politiche energetiche Carmelo Giardina (nel riquadro in foto), «si tratta di un intervento che non grava sul nostro bilancio comunale in quanto è stato finanziato dal Governo nazionale, che al riguardo ci ha assegnato settantamila euro. I nuovi corpi luminosi a Led che verranno installati produrranno un notevole risparmio energetico oltre a determinare una riduzione delle emissioni di CO2, ossia di anidride carbonica, nell’atmosfera, in ottemperanza agli impegni assunti negli ultimi anni dall’Amministrazione Comunale di Giardini Naxos aderendo al “Patto dei Sindaci per il Clima e l’Energia”. Per quanto riguarda le preesistenti lampade “Sap” ed i loro alimentatori, essi verranno smontati e conservati per il loro eventuale utilizzo in caso di guasti alle apparecchiature illuminanti della stessa tipologia».

Rodolfo Amodeo

Potrebbero interessarti anche