Giarre, in piazza Duomo attiva la postazione di Diamoci una scossa -
Catania
21°

Giarre, in piazza Duomo attiva la postazione di Diamoci una scossa

Giarre, in piazza Duomo attiva la postazione di Diamoci una scossa

Oggi domenica 20 ottobre 2019 migliaia di Architetti ed Ingegneri esperti in rischio sismico tornano nelle principali piazze italiane, tra cui Giarre, nella centralissima piazza Duomo. per incontrare i Cittadini e spiegare, in modo semplice e chiaro, cosa significhi il rischio sismico, le variabili che possono incidere sulla sicurezza di un edificio e le agevolazioni finanziarie (Sisma Bonus ed Eco Bonus) oggi a disposizione per migliorare la sicurezza della propria abitazione a spese quasi zero. Lo faranno in punti informativi distribuiti su tutto il territorio nazionale.

Obiettivo finale è accrescere la cultura della prevenzione sismica e promuovere l’adesione dei Cittadini al programma di prevenzione attiva Diamoci una Scossa!, che nel successivo mese di novembre vedrà Ingegneri ed Architetti svolgere visite tecniche informative presso le abitazioni per una prima valutazione sommaria dello stato di sicurezza degli edifici, sul rischio sismico, su cosa poter fare per ridurlo e su come farlo a costi quasi zero. Tutto senza alcun onere per il Cittadino, basterà inserire poche informazioni in un form che sarà disponibile nell’apposita pagina a partire dalla stessa giornata.

Lo stand  installato in piazza Duomo resterà attivo dalle 10 alle ore 18 e i cittadini potranno avere, da tecnici qualificati, le informazioni per decidere di attivare per le proprie abitazioni il “SISMA BONUS”.

Oggi lo Stato mette a tua disposizione delle agevolazioni finanziarie per i lavori di messa in sicurezza delle abitazioni che arrivano fino all’85 % delle spese sostenute.Un’occasione unica che permette di guadagnare in sicurezza spendendo ben poco grazie al contributo del Sisma Bonus. Consente a privati (persone fisiche, società di persone, imprenditori individuali, professionisti) e società (società di capitali ed enti) di detrarre dall’IRPEF o dall’IRES una parte delle spese sostenute, dal 1 gennaio 2017 al 31 dicembre 2021, per interventi di massa in sicurezza statica delle abitazioni e degli immobili a destinazione produttiva situati nelle zone ad alta pericolosità sismica. La percentuale di detrazione delle spese sostenute è fino a un massimo di 96.000 euro per unità immobiliare.

Potrebbero interessarti anche