Acireale, bimbo nato morto in ospedale. Avviate le verifiche interne -
Catania
17°

Acireale, bimbo nato morto in ospedale. Avviate le verifiche interne

Acireale,  bimbo nato morto in ospedale. Avviate le verifiche interne

La Direzione Strategica dell’Asp di Catania, immediatamente dopo aver appreso la tragica notizia di un bimbo nato morto presso l’Ospedale Santa Marta di Acireale, ha inviato questa mattina, presso il nosocomio, il dirigente responsabile dell’UOS Qualità e Rischio clinico e un dirigente medico della Direzione Sanitaria, avviando così le verifiche interne su quanto accaduto.

I due dirigenti medici hanno espresso alla famiglia il cordoglio loro e dell’Azienda, assicurando massima trasparenza e tempestività nell’accertamento dei fatti. Dalle prime verifiche non emergerebbero responsabilità degli operatori. Sono comunque in corso ulteriori approfondimenti.

Dal canto suo la Procura di Catania, su denuncia dei familiari della puerpera, ha aperto un’inchiesta sulla morte della bimba. Il reato ipotizzato nell’esposto, depositato dall’avvocato Giovanni Avila, è di omicidio colposo. La Procura ha disposto il sequestro della cartella clinica e del cadavere. Successivamente assegnerà l’incarico per l’autopsia. La donna, 22 anni, primipara, moglie di un trentenne, è giunta al parto, sottolineano i familiari, in buone condizioni di salute così come il feto, come emergerebbe da tracciati e rilievi medici. La piccola pesava 3,8 chilogrammi e, secondo la denuncia, sarebbe morta, la notte scorsa intorno alle 2, durante il parto naturale, quando, è ipotizzato dai ricorrenti, era necessario intervenire con un cesareo. La piccola è stata intubata e rianimata, ma è deceduta per arresto cardiaco e per anossia, mancanza di ossigeno.

Potrebbero interessarti anche