Turchia: cellule staminali per combattere l’alopecia. Un’alternativa al trapianto di capelli -
Catania
26°

Turchia: cellule staminali per combattere l’alopecia. Un’alternativa al trapianto di capelli

Turchia: cellule staminali per combattere l’alopecia. Un’alternativa al trapianto di capelli

Clonazione e cellule staminali, in medicina, sono associati varie volte a soluzioni per diverse patologie, in particolar modo per quelle che riguardano la pelle, gli organi e infezioni varie. Negli anni scorsi, in particolare nell’ultimo lustro, i progressi medici e scientifici sul campo della clonazione e delle staminali hanno raggiunto vette inaspettate, ed attualmente hanno, per trattamenti, un potenziale infinito e ancora con margini di crescita.

Le due tecniche vengono continuamente studiate nel campo della rigenerazione, particolarmente per quel che riguarda i capelli, tematica da sempre a cuore degli uomini e delle donne soggetti ad alopecia, ovverosia quella malattia a cui in pochi riescono a sfuggire. Con una conseguenza enorme. Trattasi, in altre parole, di una carenza di autostima che causa conseguenze alle relazioni personali, come testimoniato da alcuni studi portati avanti da Capilclinic che evidenziano come la calvizie abbia, ancora oggi, un forte impatto psicologico, soprattutto quando giunge in età giovanile. C’è una compromissione a livello di vita affettiva, in particolare per le donne, oggetto spesso di stereotipi di genere.

Questa patologia è oggi giorno in continua crescita e spiega anche perché la ricerca nel campo sia molto importante e come stia cercando di raggiungere risultati soddisfacenti a livello massimo. Talune di queste sperimentazioni sono basate sulla clonazione di capelli e sullo sviluppo di prodotti contenenti cellule staminali in grado di fermare la calvizie per favorire la crescita dei follicoli piliferi che non riescono a riprodursi.

Ma come si combatte l’alopecia, con l’ausilio delle cellule staminali? La calvizie, spesso e volentieri, è causata da una serie di fattori che impediscono al follicolo di svilupparsi in maniera normale e regolare. I follicoli, così come sono, sono composti da cellule epiteliali e papille dermiche. Caduto il capello cessa automaticamente la riproduzione delle cellule. In campo cellulare le ultime ricerche sono state svolte nel tentativo di produrre cellule staminali dell’epitelio in quantità, per far sì che la riproduzione porti il capello alla sua naturale rigenerazione. Capilclinic è uno dei centri medici specializzati nell’utilizzo di questa nuova tecnica basata sull’utilizzo di pack cellule staminali, il quale sarebbe in grado di attivare il processo di rigenerazione capillare e di ridurre gli effetti dell’alopecia androgenetica.

L’alopecia influisce sul ciclo capillare, come confermato dagli ultimi studi ed in particolare in uno, che ha poi rivelato come le papille dermiche, quelle cellule che regolano la fase di crescita, possono essere modificate per permettere il mantenimento del follicolo nel più lungo tempo possibile nella sua fase di sviluppo (anagen, n.d.r). La più grande difficoltà per i ricercatori che studiano le papille dermiche è nella comprensione di riuscire a produrre abbastanza cellule, oltre a quella di coltivare i follicoli. Le cellule staminali restano comunque efficaci per il trattamento contro l’alopecia, e proprio in questo campo sono la scoperta più importante e interessante, oltre che recente.

Potrebbero interessarti anche