Calatabiano. 1968-2018: un'allegra serata per festeggiare le "nozze d'oro" con la vita -
Catania
27°

Calatabiano. 1968-2018: un’allegra serata per festeggiare le “nozze d’oro” con la vita

Calatabiano. 1968-2018: un’allegra serata per festeggiare le “nozze d’oro” con la vita

Il “vulcanico” Nino Scuderi ha radunato in un ritrovo di Fondachello di Mascali i suoi coetanei del Comune etneo, che nell’anno che sta per concludersi hanno raggiunto il traguardo del mezzo secolo. Una indimenticabile “reunion” all’insegna della prelibata cucina marinara, della coinvolgente musica folk siciliana e degli “amarcord” giovanili

Mezzo secolo di vita calatabianese è stato festosamente celebrato qualche sera fa in un noto ritrovo di Fondachello di Mascali, dove si sono dati appuntamento i cittadini del Comune etneo della classe ’68, che in questo 2018 che volge al termine hanno quindi tagliato il traguardo dei cinquant’anni d’età.

Ad organizzare il simpatico raduno conviviale è stato il “vulcanico” imprenditore agricolo Nino Scuderi (nel riquadro sulla foto principale) avvalendosi della collaborazione dei coetanei Daniele Pappalardo (venuto appositamente dalla Lombardia), Lida Garufi, Angela Giuliano, Elisabetta Gullo e Ninetta Settimo.

«Ho cominciato a pensare a questa iniziativa – ha dichiarato Scuderi nel corso della serata – esattamente un anno fa. Ma è negli ultimi tre mesi che mi sono dato operativamente da fare per contattare i cinquantenni di Calatabiano ed organizzare il tutto. A questa festa collettiva di compleanno siamo più di trenta, anche se, ovviamente, manca all’appello qualche altro nostro concittadino cinquantenne, purtroppo impossibilitato a partecipare per impegni personali o problemi di salute di qualche familiare».

Nino Scuderi (terzo da sinistra) con i suoi collaboratori nell’organizzazione del raduno (da sinistra) Lida Garufi, Ninetta Settimo, Daniele Pappalardo, Angela Giuliano ed Elisabetta Gullo

Nino Scuderi non ha lasciato nulla al caso in quanto è riuscito ad allestire l’evento curandolo nei minimi dettagli, quasi si trattasse di un solenne banchetto nuziale. A cominciare dalla ricca carrellata di gustosissime pietanze (antipasti, primi e secondi) a base di pesce, innaffiate dal generoso vino locale. L’organizzatore ha inoltre voluto offrire personalmente l’immancabile torta conclusiva riproducente il numero 68, con riferimento all’anno di nascita dei commensali, ed ha altresì provveduto a “munire” tutti i partecipanti di allegre collane hawaiane cartacee, che hanno dato ancora più colore alla serata.

Il trio musicale “Sicilia in Folk”

E non poteva mancare l’intrattenimento musicale, affidato al trio “Sicilia in Folk” (composto da Giuseppe La Ganga, Fabio Marchese ed Alfio Pesce) che ha briosamente allietato la cena sfoderando il meglio del repertorio canoro siculo nonché alcuni classici della canzone italiana.

Come avviene in occasioni di questo tipo, per tanti partecipanti è stato emozionante rivedere e riabbracciare coetanei con i quali si erano condivisi gli anni dell’infanzia e giovanili per poi perdersi di vista con l’incalzare dell’età ed i conseguenti impegni lavorativi e familiari. I cinquantenni calatabianesi intervenuti alla “reunion” si sono quindi piacevolmente abbandonati ai rispettivi “amarcord” dei tempi che furono, ma hanno anche accennato alle esperienze di vita e di lavoro maturate successivamente da ognuno di essi.

Per i cinquantenni di Calatabiano, insomma, non ci poteva essere maniera migliore per salutare l’anno che sta per finire e dare il benvenuto a quello nuovo, che segnerà per loro un’ideale “rinascita” visto che, come sostengono in tanti, la vita comincia… a cinquant’anni.

Rodolfo Amodeo

Potrebbero interessarti anche