Giarre, Riposto e Mascali: torna emergenza cenere vulcanica -
Catania
19°

Giarre, Riposto e Mascali: torna emergenza cenere vulcanica

Giarre, Riposto e Mascali: torna emergenza cenere vulcanica

etnqTorna l’emergenza cenere vulcanica. Dalle 18.30 una intensa pioggia di lapilli sta interessando i Comuni dell’area ionica. Ricoperte da una cospicua quantità di cenere vulcanica i Comuni di Giarre, comprese le frazioni, Mascali e Riposto. Le strade già bagnate dall’acqua piovana caduta in mattinata si sono trasformate in circuiti di fango. Particolarmente difficile il transito nelle vie del centro di Giarre specie quelle in basalto lavico. Pericoloso percorrere in questo momento le strade soprattutto con i mezzi a due ruote.

L’ATTIVITA’ ERUTTIVA DELL’ETNA

La pioggia di lapilli trae origine da un’altra fase eruttiva, la sesta dall’inizio dell’anno, in corso sull’Etna, con l’emissione di fontane di lava e cenere dal nuovo cratere di Sud-Est. L’attività è stata preceduta da una fase stromboliana cominciata la notte scorsa e che secondo gli esperti dell’Ingv di Catania ha le stesse caratteristiche di quelle che l’hanno preceduta. La cenere lavica, sospinta dal vento verso Est, al momento non crea problemi all’aeroporto di Fontanarossa che resta pienamente operativo.

LA NOTA DEL COMUNE DI GIARRE: FIRMATA ORDINANZA SINDACALE

In serata il Comune di Giarre ha diffuso una nota, nella quale si rende noto che a seguito dei fenomeni piroclastici e relativa caduta cenere vulcanica avvenuta questa sera (e ancora in atto nella parte nord della città), il sindaco Roberto Bonaccorsi ha già emanato apposita ordinanza di divieto su tutto il territorio comunale, di circolazione dalle 00:00 alle 24 dei cicli-ciclomotori e motocicli e  limite di velocità di 30 km/h per le rimanenti categorie di veicoli.

Con successive comunicazioni saranno date ulteriori informazioni sulle modalità di conferimento della cenere vulcanica proveniente da pulizia di spazi interni privati, che, in ogni caso, non deve essere assolutamente miscelata con i rifiuti solidi urbani.

IN  AGGIORNAMENTO

Potrebbero interessarti anche