Mascali, aumentano a dismisura le discariche -
Catania
22°

Mascali, aumentano a dismisura le discariche

Mascali, aumentano a dismisura le discariche

E’ ancora allarme discariche a Mascali. Vere e proprie “bombe ecologiche” in centro come in periferia. Un quadro allarmante che il Movimento civico La Nostra Mascali da lungo tempo e sulla scorta di numerose segnalazioni denuncia con forza e preoccupazione. Decisamente limite il caso della frazione mascalese di S.Anna. E se per il restauro della chiesa di via Spiaggia il movimento civico La Nostra Mascali esprime compiacimento, lo stesso non può dirsi, purtroppo, per lo stato di degrado e abbandono un cui versa la via S.Anna che, in alcuni tratti, diventa persino non transitabile. Sulla strada primeggia una sconcertante varietà di rifiuti ingombranti: pezzi di arredo, elettrodomestici in avaria, materiale di risulta proveniente da demolizioni edili, profilati, pneumatici. Come detto, una vera e propria bomba ecologica. Analogo il copione anche in via Vecchia Stazione a Carrabba, lungo la via Catania-Messina (pneumatici di autocarri e mobilia varia), sulla parallela di via Spiaggia (zona fiera estiva) e persino nella piccola frazione collinare di Montargano  che ospita una pattumiera a cielo aperto costituita da scarti di materiale edile e ingombranti vari. “Ancora una volta – rimarca Giovani Pellizzeri, coordinatore del movimento La Nostra Mascali – si registra un aumento esponenziale di micro discariche che, non rimosse per tempo, si allargano al punto da trasformarsi in vere e proprie isole ecologiche “fai da te”. Una situazione inaccettabile anche per i rischi idraulici derivanti dall’irregolare deflusso delle acque meteoriche in occasione di intense piogge.

All’Amministrazione – osserva Pellizzeri – rivolgiamo un accorato appello perché rafforzi il servizio straordinario di raccolta di rifiuti ingombranti e se possibile pubblicizzare meglio, attraverso manifesti, locandine presso gli esercizi, banner sui siti internet, il fondamentale servizio concordato con i cittadini (ogni mercoledi) per il recupero a domicilio dei rifiuti ingombranti. I cittadini – continua Pellizzeri – nonostante l’utile servizio, partito nell’ottobre scorso, sono ancora disorientati e continuano a creare delle micro discariche con costi per la rimozione che ricadono sulla collettività. In quest’ottica sarebbe opportuno potenziare i controlli da parte della polizia municipale e attivare delle telecamere per contrastare in maniera più decisa il fenomeno”.

Il rispetto dell’ambiente inizia dalla buona educazione dei cittadini che, però, devono essere sensibilizzati alla collaborazione attraverso una intensa campagna ecologica promossa dall’Amministrazione”.

Potrebbero interessarti anche