Acireale, “percorsi condivisi di legalità” -
Catania
22°

Acireale, “percorsi condivisi di legalità”

Acireale, “percorsi condivisi di legalità”

L’Ufficio di Pastorale Sociale della diocesi di Acireale, retto da don Marcello Pulvirenti, da alcuni anni promuove alcune iniziative in collaborazione con le sezioni acesi delle associazioni Libera, coordinata da Maria Grazia Pennisi, Liberacittadinanza, coordinata da Enzo Dato, e il coordinamento professori referenti per la Legalità degli Istituti superiori di Acireale. Una bella forza!

E “Percorsi condivisi di legalità” è una delle iniziative portate avanti. “Uomo/Donna: dinamiche relazionali e ruoli sociali” è stato il tema specifico affrontato venerdi 31 ottobre scorso, presso la sala conferenze della parrocchia S. Paolo di Acireale, nell’incontro di formazione per docenti, educatori e formatori, per educare alla legalità attraverso l’esercizio della democrazia, della partecipazione e della cittadinanza. Il saluto di benvenuto ai vari convegnisti (studenti, docenti referenti per la Legalità, rappresentanti di varie associazioni, famiglie) è stato dato da don Marcello mentre i lavori sono stati aperti e condotti dal prof. Giuseppe Strazzulla, coordinatore prov.le dell’associazione Libera. Tre i relatori: la prof.ssa Graziella Priulla, ordinaria di sociologia dei processi culturali e generi e linguaggi all’ateneo catanese, l’avv. penalista acese Enzo Mellia e don Carmelo Raspa, biblista.

Relazioni chiare ed esaustive che se non hanno dato soluzioni preconfezionate hanno senz’altro indicato delle strade da percorrere: adozione di una didattica diversa, riconoscimento delle differenze tra uomo e donna, un migliore rapporto tra i vari componenti della famiglia, attenzione alla terminologia adottata dai mass-media, attenta interpretazione e applicazione dei vari articoli del codice penale nonché qualche modifica ad alcuni articoli dello stesso codice penale, una più attenta lettura della Bibbia. Tra gli interventi segnaliamo quello della dott.ssa Maria Pia Fontana, assistente sociale specialista del Ministero della Giustizia, e quello della prof.ssa Graziella Spina, docente nei licei e componente del Coordinamento Professori referenti per la Legalità.

L’incontro di cui sopra non è stato fine a se stesso dato che gli alunni delle scuole superiori del liceo classico “Gulli e Pennisi”, dell’I.T. Galileo Ferraris, del liceo linguistico “Regina  Elena”, dell’istituto per il commercio e professionale Majorana-Meucci, e del liceo scientifico statale “Archimede”, saranno coinvolti a pieno titolo nei “Percorsi condivisi di legalità”. Con la visione di film, incontri con autorevoli testimoni di esperienze, visite di luoghi significativi correlati con il tema, compilazione di schede per esprimere opinioni personali, dibattiti tra gli stessi alunni alla presenza di esperti, per fare prendere loro coscienza di problematiche inerenti la giustizia e la legalità e per contro, così, ripristinare il bene comune.

Camillo De Martino

nella foto da sinistra: E. Mellia, C. Raspa, M.P. Fontana, G. Priulla, M. Pulvirenti, G. Spina, G. Strazzulla

Potrebbero interessarti anche