Una “ugola d’oro” a Francavilla: Luca Guidotto -
Catania
15°

Una “ugola d’oro” a Francavilla: Luca Guidotto

Una “ugola d’oro” a Francavilla: Luca Guidotto

Oltre che nelle cucine, il giovane pizzaiolo e pasticciere si fa apprezzare anche sui palcoscenici interpretando noti ed impegnativi brani del miglior pop italiano. Il suo talento ha travalicato i confini della cittadina dell’Alcantara per approdare nei teatri e sulle piazze di diverse località siciliane

Preparare una pizza o un dolce non è poi così tanto dissimile dal cantare una canzone; in ambedue i casi, infatti, è questione di… dosaggio: degli ingredienti, nel primo, e della voce, nel secondo.

A Francavilla di Sicilia lo sa bene Luca Guidotto, provetto pizzaiolo e pasticciere presso il noto ritrovo di famiglia “Il Quadrifoglio Blu” (da qualche giorno dotatosi anche di un elegante ed accogliente salone-ristorante), ma pure “ugola d’oro” con all’attivo numerose partecipazioni a spettacoli canori tenutisi in questi anni in diversi centri della Sicilia Orientale (Taormina, Giarre, Castroreale, Randazzo, ecc.) nonché ospite pressoché fisso del “Cantabimbi Alcantara”, la cui sesta edizione è andata in scena al Cineteatro Comunale francavillese “Arturo Ferrara” qualche mese fa.

Nel repertorio di Guidotto, nato nel 1983 nel Comune etneo di Randazzo, figurano noti motivi del miglior pop italiano, tra cui le immortali canzoni di storici gruppi come i Pooh ed i Nomadi e del “sempreverde” Gianni Morandi, che Luca intona avvalendosi solitamente dell’impeccabile accompagnamento musicale della band “Aloha”.

Ancora una volta ci si trova in presenza di un cittadino francavillese accostatosi all’arte delle sette note grazie al glorioso corpo bandistico locale “Vincenzo Bellini”, che ha avuto il merito di avvicinare ed appassionare alla musica tanti giovani, alcuni dei quali, una volta appresi i segreti del pentagramma in quell’umile scuola di Via Liguria, sono stati in grado, come nel caso di Luca Guidotto, di spiccare il volo da soli.

«Sono pienamente appagato ed onorato – dichiara il giovane cantante francavillese – della risposta del pubblico alle mie esibizioni. Il mio segreto è fare tutto col cuore (sia sul palco che… davanti al forno e nel laboratorio di pasticceria) e scegliere brani in grado di valorizzare al meglio la mia vocalità. Per adesso ho un solo rammarico: il dover limitare questa mia grande passione per il canto a causa dei quotidiani impegni nel nostro bar-ristorante-pizzeria. Approfitto, anzi, dello spazio che gentilmente mi dedicate per scusarmi pubblicamente con gli amici impresari ed organizzatori di tutta la Sicilia che mi hanno chiesto, per questi mesi estivi, di intervenire ai loro eventi, ai quali purtroppo dovrò mancare per non trascurare la mia principale attività, che comunque mi dà anch’essa immense soddisfazioni: in fondo, preparare una gustosa pizza o una deliziosa torta è come proporre… una bella canzone!».

Rodolfo Amodeo

Potrebbero interessarti anche