Santa Venerina, quando a scuola formazione fa rima con emozione -
Catania
32°

Santa Venerina, quando a scuola formazione fa rima con emozione

Santa Venerina, quando a scuola formazione fa rima con emozione

Gli alunni della scuola santavenerinese protagonisti del fare: il gemellaggio con l’Istituto Omnicomprensivo di Lampedusa, primi assoluti con lode alla XX Rassagna-Concorso di musica scolastica “Premio Nazionale Salvuccio Percacciolo” nelle categorie canto corale e cantanti solisti, terzi nella sezioni flauti, secondi al Concorso Nazionale “Indicibili Incanti” indetto dal Miur

Un anno intenso di coinvolgente lavoro premia gli alunni dell’Istituto Comprensivo Statale di Santa Venerina, diretto dalla “vulcanica” preside dott.ssa Mariangiola Garraffo. Una messe di meritate gratificazioni giunge alla fine di un percorso esperienziale all’insegna di una qualificata didattica interdisciplinare posta in essere da tutto il corpo docente, dalla Scuola dell’Infanzia, alla Primaria ed alla Secondaria di I grado, secondo i criteri della verticalizzazione del curriculo.

LampedusaUna delegazione di alunni, vincitori della IX edizione del Premio Internazionale “Maria Grazia Cutuli”, sezione dedicata alla scuola, (Chiara Calì, Giorgia Coco, Carla Murabito, Lorenzo Pennisi, Martina Tarda, Graziana Trovato), guidata dal sindaco del Ccr Giuseppe Murabito e dall’assessore alla cultura Salvatore Samuele Casella ed accompagnata dalla preside Garraffo e dai docenti Miranda Grasso, Salvo Musumeci e  Carmelo Rametta, dal 16 al 19 maggio, ha visitato Lampedusa per gemellare la scuola di Santa Venerina con l’Istituto Omnicomprensivo “L. Pirandello” «A testimonianza di stima e di durevole amicizia con il ‘popolo lampedusano’, profondamente colpiti dalla sua straordinaria propensione al soccorso e all’accoglienza dei migranti, figli della ‘disperazione’».

Appena il tempo di rientrare, il 20 maggio, i cento alunni del Coro “Santa Venerina Pueri” (Monia Abdel Raouf, Alessia Adornetto, Stefano Arcidiacono,            Giuseppe Bafumi, Angelo Pio Barbagallo, Adriana Bonaccorsi, Salvatore Bonanno, Santina Botta, Rita Caldarera, Daniela Calì, Orazio Calì, Sabrina Calì, Salvatore Cantarella, Ylenia Cantarella, Alessio Cavallaro, Alfio Riccardo Cavallaro, Riccardo Cavallaro, Desirée Coco, Gabriella Cristaudo, Orazio D’Agostino, Paola D’Aquino, Simona Pia Di Fazio, Rosy Di Pasqua, Flavio Di Stefano, Lorena Di Stefano, Sebastiano Donzuso, Federica D’Urso, Giorgia Faia, Manuel Fichera, Maria Chiara Finocchiaro, Matilde Finocchiaro, Claudia Fontana, Michela Foti, Cristian Fresta, Denise Fresta, Gabriele Fresta, Aurora M. R. Gambino, Francesco Garozzo, Francesca Germanà Gulino, Lucrezia Giuffrida, Michelle V. Giuffrida, Federica Grasso, Samantha Grasso, Simone Grasso, Alice Incognito, Rachele La Guzza, Alfia La Spina, Vittorio Laguzza, Anna Leotta, Martina Leotta, Matteo Leotta, Sara Licciardello, Emanuela Lupica, Andrea Maccarrone, Riccardo Marano, Maria Grazia Maugeri, Desirée Molinaro, Alessandro Murabito, Gracy Musmeci  , Rosita Gaia Preziosa Musmeci, Giorgio Musumeci, Mirko Oriti, Marta Pappalardo, Claudia Patanè, Aurelia Pennisi, Ylenia Pia Pernice, Giorgia Pistorio, Federica Principato, Giuseppe Privitera, Noemy Proietto Galeano, Elena Puglisi, Giorgio Puglisi, Elisa Pulvirenti, Giusy Rapisarda, Irene Rapisarda, Flavio Romeo, Fabiola Russo, Gaia Russo, Ludovica Russo, Angela Sapienza, Sebastiano Sapienza, Noemi Scaccianoce, Ernesto Scaglione, Roberto Scalia, Serena Sciacca, Aurora Sorbello, Francesca Pia Sorbello, Emanuele Tarda, Marika Tomarchio, Selena Tomarchio, Claudia Torrisi, Giada Torrisi, Luca Torrisi, Alfina Tropella, Alessia Varrica, Giordana Vecchio, Giorgia Vitale), e l’alunna Marika Tomarchio – diretti dall’esperto esterno M° Giuseppe Musumeci, collaborato dal M° Salvatore Musumeci, preparatore delle voci e titolare della sperimentazione della pratica corale DM 8/11, dall’ins. Miranda Grasso, docente di dizione, e dall’ass. tecnico Antonio Tropella – si sono aggiudicati il primo posto assoluto (100/100) e la lode, alla XX Rassagna-Concorso di musica scolastica “Premio Nazionale Salvuccio Percacciolo”, riconosciuta dal Miur, nelle categorie canto corale e cantanti solisti.

Coro IncantorParticolarmente apprezzata, l’esecuzione del Coro “Incantor” – istituito con il Pon 2007-2013 “Competenze per lo sviluppo” 2007 IT 051 PO 007 F.S.E. Azione F1–, composto da genitori e docenti dell’Istituto santavenerinese (Valeria Barbagallo, Rosa Brugger, Carmela Caramagno, Rosetta Coco, Maria Crimi, Mari Angela Falla, Manuela Finocchiaro, Sandra Forbicelli, Maria Mammino, Alfina Marano, Agata Messina, Francesca Morabito, Angela Maria Motta, Maria Antonietta Patanè, Angela Puglisi, Giuseppe Pulvirenti, Daniela Rinaldi, Assunta Salanitri, Giuseppina Salanitri, Rosetta Scalia, Orazia Scandurra, Rosaria Strano, Rossana Tarda, Alfina Valastro), e diretto dallo stesso M° Giuseppe Musumeci, collaborato dalla tutor M° Caterina Musmeci.

A seguire, il 21 maggio, sempre nella stessa Rassegna-Concorso, la formazione libera di flauti “Pupy Ensemble” (Carlo Arcidiacono, Chiara Calì, Lorenzo Cavallaro, Giorgia Coco, Roberto Consoli, Adina Cristea, Arianna Di Mauro, Carla Garufi, Chiara Marano, Lucy Maugeri, Paola Maugeri, Sara Murtas, Alessia Patanè, Martina Strano), diretta dalla prof. Teresa Fichera, si è aggiudicata il terzo posto. Infine, un secondo premio nella categoria pianoforte è stato conseguito dalla santaverinese Francesca Grasso, preparata dalla scuola musicale dell’Accademia Galatea.

A sorpresa, infine, giunge la telefonata, all’Istituto Comprensivo, della dott.ssa Gianna Ferrante, segretaria del “Comitato per l’apprendimento pratico della musica del Miur”, presieduto dall’on. prof. Luigi Berlinguer, già Ministro della Pubblica Istruzione, preannunciante che il Coro “Santa Venerina Pueri” si è classificato al secondo posto al Concorso Nazionale “Indicibili Incanti” – svoltosi sulla valutazione  di 15 minuti di esecuzioni registrate su Dvd –, indetto dal Miur per l’anno scolastico 2013/2014, nella sezione II Cori scuole primarie, secondarie di primo grado e istituti comprensivi, che prevede la partecipazione del coro ad una delle iniziative organizzate dal “Comitato” ed il Diploma di Merito.

PupyVisibilmente commossa, il Dirigente Scolastico Mariangiola Garraffo esprime la sua gioia: «Condividendo pienamente il pensiero del “Comitato per l’apprendimento pratico della musica del Miur”, sono convinta che “Un cittadino più musicale non soltanto canterà meglio: saprà scegliere con cura cosa ascoltare, le parole da usare, i luoghi dove abitare e incontrarsi; avrà più fiducia in se stesso e nelle proprie capacità creative e professionali, avrà meno paura dell’altro, di chi ci regala la cosa più preziosa che possiede, la propria differenza. La presenza della musica nella scuola, in forme e modi adeguati alle diverse fasce d’età, rappresenta un importante passo per la realizzazione di quella “école de la mixité” di cui si parla ormai in tutta Europa, luogo ove possano incontrarsi felicemente razze, culture, religioni, suoni e saperi. Una scuola in cui entrino finalmente gli artisti e le loro opere, una scuola in cui si impara a leggere, a scrivere, a far di conto e a far di canto”. Il Comitato nazionale per l’apprendimento pratico della musica è stato costituito con il compito di tracciare le nuove linee guida per la diffusione della pratica musicale nelle scuole italiane da parte di tutti gli studenti, in sintonia con quanto avviene nei sistemi educativi degli altri paesi europei Principali, i cui compiti non possono non essere che quelli di: proporre politiche mirate ad una più significativa presenza, nelle scuole di ogni ordine e grado, di attività di fruizione e di produzione musicale, intendendo la musica componente fondamentale per la formazione e la crescita dei cittadini; elaborare e promuovere concrete azioni da realizzarsi all’interno e all’esterno delle istituzioni scolastiche, ed in concerto con gli attori chiave presenti nei diversi contesti territoriali, a sostegno di tali politiche; promuovere indagini e analisi sui diversi aspetti della cultura musicale e della sua presenza nelle istituzioni e nella società italiana anche allo scopo di raccogliere e valorizzare le migliori esperienze. Ringrazio tutti i docenti, in paticolar modo i Maestri Giuseppe e Salvatore Musumeci, Teresa Fichera, Caterina Musmeci; gli insegnanti Miranda Grasso, Carmelo Rametta, Antonina La Rosa, ma soprattutto gli alunni ed i loro genitori per aver condiviso ed apprezzato, con ampia partecipazione, il progetto didattico-educativo pensato per i nostri alunni».

Piena la soddisfazione dei Maestri Salvo e Giuseppe Musumeci: «Santa Venerina ha una sua vocazione corale indirizzata ai ragazzi – esordisce il maestro Musumeci Sr –, venuta alla luce sul finire degli anni Settanta del secolo scorso, grazie al lavoro educativo avviato da un sacerdote e docente di scuola elementare, don Bruno Russo (parroco di Bongiardo), che costituì il Coro “Show Boat”, di cui sono stato maestro e mio figlio corista. Quell’esperienza, non solo ci ha formati, ma ci ha incoraggiato a continuarne il percorso, prima con le “Piccole Voci dell’Etna” del Circolo Didattico ed ora con i “Santa Venerina Pueri” dell’Istituto Comprensivo. I coristi di oggi – continua il maestro Musumeci Jr –, sono per la maggior parte, figli dei coristi del mitico “Show Boat” che si produsse per circa un ventennio, organizzando sette edizioni del Festival di canzoni inedite per bambini “Noi Cantiamo Così”, in collaborazione con l’Antoniano di Bologna, con Cino Tortorella e con Memo Remigi, e realizzando diverse incisioni discografiche. A lui dedichiamo i nostri successi e di lui racconteremo ai nostri ragazzi, insieme ai loro genitori».

Non ci resta che augurare, come fatto in precedenza, “Ad majora res spei”!… E magari di vedere i ragazzi dell’Istituto santavenerinese in qualche trasmissione Rai.

Corrado Petralia

Potrebbero interessarti anche