Sotto il segno della scuola -
Catania
15°

Sotto il segno della scuola

Sotto il segno della scuola

Numerosi rappresentanti delle Amministrazioni comunali etneee, assieme ai rappresentati del coordinamento provinciale dei Consigli comunali dei ragazzi della provincia di Catania in udienza dal Papa

 Alcuni baby Sindaci della provincia di Catania hanno partecipato all’udienza di Papa Francesco, passata alla storia come la prima grande lezione scolastica del Papa Maestro Educatore. Erano in trecentomila, provenienti da tutta Italia. La scuola è stata presente nelle diverse componenti di studenti di ogni ordine e grado, dalla materna alla secondaria di secondo grado, con docenti, dirigenti, personale scolastico e tanti genitori, anche in rappresentanza delle associazioni Age, Agesc, Fidae, Fism, Uciim, Aimc, Anquap.

Il coordinamento provinciale dei Consigli comunali dei ragazzi della provincia di Catania è stato rappresentato dai baby amministratori di San Pietro Clarenza, Sebastiano Volpe; di Camporotondo Etneo, Sebastiano Uscenti; di Tremestieri Etneo, Emanuela Nicotra e da Letizia Mannisi, vice sindaco di San Gregorio. Si sono aggregati al gruppo, guidato dal preside Giuseppe Adernò, i ragazzi della classe quinta della scuola paritaria “Insieme” di Belpasso. Hanno partecipato alla gita di tre giorni, l’assessore di Camporotondo Etneo, Giovanna Squillaci, il vice Sindaco di San Pietro Clarenza, Mariagrazia Santonocito, e Giovanna Pappalardo, docente coordinatrice del progetto “Baby sindaco clarentino”, nonché consigliere comunale.

Grande è stata l’emozione dell’incontro con Papa Francesco – dice il preside Adernò –. Le sue sagge parole hanno dato incoraggiamento ad amare la scuola, a viverla come luogo di incontro e di dialogo, oltre che di crescita umana e sviluppo di competenze”.

Il programma della breve visita a Roma ha consentito ai ragazzi, non solo di osservare i monumenti principali come il Colosseo, l’altare della Patria, il Campidoglio, la Fontana di Trevi, Piazza di Spagna, ma anche di visitare le sedi istituzionali: il palazzo Madama, sede del Senato ed il Quirinale, sede della Presidenza della Repubblica. L’emozione ed il ricordo dalla visita resta impressa nel cuore di ragazzi, che possono scrivere nel loro diario “io c’ero”.

Michele Milazzo

Potrebbero interessarti anche