Francavilla: Consiglio Comunale “sospeso” -
Catania
30°

Francavilla: Consiglio Comunale “sospeso”

Francavilla: Consiglio Comunale “sospeso”

La Regione Siciliana ha notificato ai membri del civico consesso il relativo provvedimento, nel quale viene al contempo nominato il commissario che dovrà sostituirsi all’organo consiliare, ossia Maria Riva, moglie del viceprefetto Romano, originario della cittadina dell’Alcantara

Il Consiglio Comunale di Francavilla di Sicilia è stato ufficialmente “sospeso” tramite un apposito decreto dell’Assessorato Regionale delle Autonomie Locali e della Funzione Pubblica, notificato nelle ore scorse ad ognuno dei quindici componenti del locale civico consesso. Lo stesso provvedimento contiene anche l’atto di nomina del commissario “per la provvisoria gestione dell’Ente in sostituzione del Consiglio Comunale”, individuato nella persona di Maria Riva, che opererà nelle more del decreto di scioglimento dell’organo consiliare. E’ questa la nuova “puntata” della “telenovela” politica che, ormai da un paio di mesi, tiene banco nella cittadina dell’Alcantara.

Si è, dunque, arrivati ad una “sospensione” dei componenti della civica assemblea, ma non ancora alla fase estrema della loro “decadenza”. Ci si chiede, quindi, quali poteri e prerogative possano, in questa fase intermedia, esercitare i consiglieri comunali francavillesi: sono politicamente “in coma”, oppure hanno ancora diritto a frequentare liberamente gli uffici municipali e svolgere al loro interno attività ispettive?

Ed ancora più “problematici” sono gli interrogativi che si pone il giovane avvocato Andrea Lo Presti, capogruppo consiliare di “Uniti per Francavilla” il quale, come avevamo già riferito nei giorni scorsi, si è attivato, contattando un eminente giurista catanese, per presentare un eventuale ricorso amministrativo contro la decadenza del Consiglio Comunale francavillese. Ma a quell’annunciato ricorso, adesso se ne potrebbe aggiungere un altro.

«Un requisito fondamentale di tutti i provvedimenti amministrativi – ci spiega, infatti, il consigliere Lo Presti – è l’indicazione del termine temporale e dell’organo cui rivolgersi per proporre un eventuale ricorso contro di essi. Nel caso di specie, invece, le autorità regionali si sono dimenticate di inserire tali indicazioni, finalizzate a garantire il diritto di difesa nei confronti della pubblica amministrazione. Per altro verso, c’è anche da dire che, al riguardo, la giurisprudenza e la dottrina non danno indirizzi precisi (c’è chi parla di semplice “irregolarità” e chi, invece, di “illegittimità”, causa, quest’ultima, di annullamento dell’atto). Ci riserviamo, pertanto, di decidere se ricorrere o meno contro tale, comunque discutibile, provvedimento di sospensione».

Intanto, se ciò può… consolare, il commissario designato dalla Regione Siciliana per sostituire provvisoriamente il Consiglio Comunale di Francavilla, ovvero la dottoressa Maria Riva (attuale segretario comunale a Giardini Naxos), è la gentile consorte del viceprefetto di Messina (e commissario straordinario della relativa Provincia Regionale) Filippo Romano, originario della cittadina dell’Alcantara, nella quale tale alto pubblico funzionario annovera diversi parenti.

Rodolfo Amodeo

Potrebbero interessarti anche