Giarre e gli avvocati, questione di “fiducia” -
Catania
11°

Giarre e gli avvocati, questione di “fiducia”

Giarre e gli avvocati, questione di “fiducia”

Giarre sarà anche contemporanea ma non stupida. L’amministrazione comunale attraverso una comunicazione ufficiale diramata agli organi di stampa e pubblicata sul sito del Comune ha avviato la procedura per le nomine fiduciarie relative al servizio di difesa e patrocinio del Comune di Giarre presso le varie giurisdizioni e le commissioni tributarie, ai sensi della delibera di giunta n. 93 del 30 Settembre 2013.

Le figure professionali da nominare sono cinque avvocati abilitati ed un commercialista. Fin qui nulla da eccepire, se non fosse, poi, per le successive precisazioni evidenziate nel medesimo avviso diramato dal Comune da fare strabuzzare gli occhi. E non solo.

Gli interessati – si legge nell’avviso – devono far pervenire entro le ore 17 di lunedì 14 aprile, a mezzo consegna all’ufficio protocollo del Comune di Giarre, oppure all’indirizzo di posta elettronica certificata sindaco@pec.comune.giarre.ct.it, specifica manifestazione d’interesse alla nomina, eventualmente corredata dal “curriculum”.

Viene da chiedersi: ma se si tratta di nomine fiduciarie perché, allora, ricorrere all’avviso pubblico? Una procedura che suona come una beffa oltre a rappresentare una offesa all’intelligenza di quanti, fossero interessati ad inoltrare (eventualmente) i propri curricula. Sia ben chiaro: perdereste solo il vostro prezioso tempo.

Qualora nessuno l’avesse ancora intuito, pare si tratti di un bluff contemporaneo. L’ennesimo. Giacchè, come per altre occasioni, i giochi sono stati già fatti in una logica squisitamente politica, partitica. Peggio. Una disarmante lottizzazione di posti di sotto – ma molto sotto – governo. E siccome è caratteristica dello scrivente fare nomi e cognomi e possibilmente spiegare anche le motivazioni, tentiamo la magia dell’anticipazione dei nomi che, quasi certamente, nell’assoluta contemporaneità saranno scelti per coprire i cinque posti di legali e uno di commercialista.

Nella lista dei prescelti figurerebbero, l’avv. Alfredo (per gli amici Rudy) Grasso, in quota RilanGiarre (Piero Mangano) che vorrebbe, per l’appunto, rilanciarsi dopo la lunga esperienza maturata all’ufficio Contenzioso del Comune, nell’Era Sodano.

FOTO: LA PARODIA DI NIENTE LIMITI

APE MAIA

 

Altro nominativo dato quasi per certo è quello dell’ex consigliere avv. Tanino Cavallaro, donzelliano, autonomista lombardiano convinto, passato, di recente, insieme al suo “pigmalione” Pippo Donzello, nelle file del Ncd. Un modo come un altro per premiare la sua sfortunata campagna elettorale che lo ha messo fuori dai giochi. Non meno importante, con buona pace di Salvo Camarda, il terzo nominativo che sarebbe stato scelto spontaneamente – gode appunto della fiducia del sindaco – quello di Aurelio Turrisi, fratello di Angelo Turrisi, vice presidente del Consiglio in carica, in quota GiarreFutura.

Altro nominativo, tra i più gettonati, quello dell’avv. Ornella Cenere Mirabella, compagna nella vita di Mario Cavallaro, avvocato, ex candidato sindaco e già esponente di spicco della lista Primavera Giarrese che, per una manciata di voti, non è riuscita ad ottenere uno scranno in Consiglio. La rondine di questa sfortunata primavera, quindi, sarebbe stata scelta. Resta ancora da decidere la quinta casella per la quale, si apprende, vi sarebbero non poche pressioni del senatore Pippo Pagano. Ciliegina finale, il nome del commercialista. Si tratterebbe della dott.ssa Maria Calabrò anch’essa candidata nella lista “Tutti per Giarre”. In questo caso la nomina avrebbe un valore risarcitorio doppio. Già, perché la Calabrò altro non è che la moglie del bancario Biagio Andò già designato assessore da Roberto Bonaccorsi in campagna elettorale che è stato poi messo da parte (senza troppi patemi d’animo) per fare spazio all’inedita operazione trasformista di Salvo Patanè, mossa vincente per poi sbaragliare la competizione elettorale.

Fin qui il quadretto degli incarichi e adesso, sinceramente, avete voglia di inviare un curriculum per fare parte del Collegio dei legali del Comune? Le modalità di presentazione le abbiamo enunciate… Sotto a chi tocca e ricordate, eventualmente allegate il curriculum…

Potrebbero interessarti anche