Lavoro, “protagonisti oggi” -
Catania
28°

Lavoro, “protagonisti oggi”

Lavoro, “protagonisti oggi”

Siglato un protocollo d’intesa tra il Rotary club di Giarre – Riviera ionico-etnea, l’Ipsia “Majorana –Sabin” e la tipografia Bracchi

 Un nuovo traguardo formativo, con particolare attenzione al mondo del lavoro, è stato raggiunto con la firma del protocollo d’intesa tra il Rotary club di Giarre riviera ionico-etnea, presieduto da Mario C. Cavallaro, l’Ipsia “Majorana –Sabin”, diretto dalla dirigente scolastica Monica Insanguine, e la tipografia di Filiberto Bracchi, siglato nella sede dello stesso “Majorana – Sabin”. L’importanza di questo accordo è stata testimoniata anche dalla presenze dell’assessore alla Pubblica istruzione del Comune di Giarre, Antonino Raciti.

Come è stato specificato nel corso della cerimonia, il protocollo è realizzato nell’ambito del progetto “Protagonisti oggi” e permetterà agli studenti di effettuare uno stage formativo presso i locali della tipografia Bracchi, nel periodo compreso tra l’1 febbraio 2014 e il 30 maggio 2014. La tipografia fornirà in uso i propri beni strumentali e, con l’ausilio del proprio personale lavorerà, insieme agli studenti, per progettare e stampare un prodotto tipografico su di un tema proposto dal Rotary Giarre. Il Rotary Giarre, infine, si farà carico delle risorse finanziarie occorrenti per la realizzazione conclusiva del prodotto tipografico.

«Questo protocollo – ha dichiarato il presidente del Rotary, Mario C. Cavallaro – dà la possibilità ad una intera classe di studenti della sezione grafica di sperimentare “sul campo” le competenze acquisite a scuola. Ed è stata proprio questa la motivazione che ha spinto il Rotary di Giarre a realizzare questa attività: creare il collegamento tra la scuola ed il mondo del lavoro. Merito dell’iniziativa va anche ai titolari dell’azienda tipografica “Bracchi” che gratuitamente permette la realizzazione dello stage formativo».

«Per noi, la proposta del Rotary è un’occasione importante – ha commentato la dirigente dell’Ipsia, Monica Insanguine – perché la peculiarità della scuola professionale è quella di caratterizzare la propria attività nell’alternanza scuola-lavoro. Per gli studenti questa esperienza produrrà anche dei crediti formativi relativi all’imminente esame di stato che dovranno affrontare».

Potrebbero interessarti anche