Catania
18°

Opzioni binarie: le prospettive per il 2018

Opzioni binarie: le prospettive per il 2018

Anche nel corso del nuovo anno sicuramente molti italiani si avvicineranno al mondo delle opzioni binarie. Del resto è ormai risaputo che in questo ambito è possibile guadagnare in modo regolare, con cifre decisamente elevate. Conviene però liberarsi dai falsi miti: come in qualsiasi altro tipo di lavoro, anche per guadagnare con le opzioni binarie è necessario fare un training iniziale, anche se la formazione può essere organizzata e seguita direttamente da casa, sfruttando le informazioni che si trovano online. Chi volesse però approfittare di questo tipo di guadagni deve affrettarsi, l’autorità europea di regolamentazione finanziaria ha proposto di bloccare la possibilità di fare trading con le opzioni binarie in tutta Europa.

La proposta dell’ESMA

Da vari anni si sente dire che le opzioni binarie sono una truffa. La realtà è però ben diversa da come ce la vogliono dipingere: con questo tipo di attività finanziaria si può guadagnare e anche molto. Ciò che preoccupa l’ESMA è il dilagare di truffe in questo settore e la preoccupazione che un crescente numero di cittadini europei rischi il proprio denaro in questo modo, perdendone una buona percentuale. Già a partire dal 2018, anche se le possibilità di un blocco totale sembrano remote, gli organismi di controllo, e l’ESMA stesso, avranno maggiori poteri in questo ambito e potranno fermare per un certo periodo i siti e le società che non danno sufficienti garanzie ai loro clienti. In pratica si tratta di cominciare a controllare in modo più preciso e “serio” l’attività dei broker. Se questo tipo di operato darà i suoi frutti non sarà necessario passare all’offensiva pesante, ossia al divieto totale di sfruttare le opzioni binarie in Europa.

Come tenersi lontani dalle truffe

Chi vuole oggi entrare nel mondo delle opzioni binarie, o comunque del trading online in senso lato, può comunque attuare dei comportamenti che lo tengono al sicuro, anche senza affidarsi ai controlli dell’ESMA. Il primo passo, quello più importante, consiste nel rivolgersi al broker giusto. Purtroppo infatti le truffe sono perpetrate da società di malaffare, che propongono affari milionari senza dare il corretto supporto ai loro clienti. La scelta dei broker tramite cui operare è quindi fondamentale, anche per quanto riguarda la propria sicurezza. Come primo elemento un buon broker deve essere autorizzato dalla Consob, o da un qualsiasi altro organismo di controllo a livello europeo. Se un sito no possiede questo requisito minimo, meglio evitarlo perché potrebbe nascondere un tentativo di raggiro. Importante è anche informarsi con cura sul broker con cui si intende operare, ad esempio leggendo iq option opinioni: ci sono molti siti in rete che permettono di conoscere tutti gli elementi salienti di un sito di brokeraggio, che ci aiutano nella scelta. Un altro passo importante consiste nell’evitare di entrare nel mondo del trading online con quantità massicce di denaro. Tra le persone che hanno perso più soldi infatti non ci sono cittadini europei truffati, ma sprovveduti, che hanno cominciato subito ad investire varie migliaia di euro, prima di essersi informati in modo corretto su quale sia la prassi del trading con le opzioni binarie.

Potrebbero interessarti anche