"Centu amureddi duci", le poesie di Mario Patti incantano San Giovanni Montebello -
Catania
35°

“Centu amureddi duci”, le poesie di Mario Patti incantano San Giovanni Montebello

“Centu amureddi duci”, le poesie di Mario Patti incantano San Giovanni Montebello

L’ambiente naturale ha fatto da cornice, a San Giovanni Montebello, alla presentazione del libro “Centu amureddi duci” del poeta Mario Patti, raccolta di liriche in dialetto siciliano.

La presentazione del volume, condotta dall’insegnante Lucia Cardillo, si è svolta nella tenuta dello stesso autore, in contrada Paoli, con il Duo Gioviale, artisti della musica siciliana, che con strumenti tipici (chitarra, mannulinu, friscalettu e marranzanu) hanno accompagnato la lettura delle liriche e incantato i presenti. Alla serata è intervenuto anche don Mario Fresta, arciprete canonico della cattedrale di Acireale, che ha toccato i punti salienti dell’antologia di cui ha curato la prefazione.

Sette le sezioni che strutturano il testo: Sicilia nostra, luogo natìo, natura, empatia, ironia, dolore e fede. Il susseguirsi della lettura di sette liriche, una per ogni sezione, ha dato al pubblico modo di immedesimarsi negli argomenti trattati dall’autore. Lo stesso Patti ha iniziato con la recita di Terra di Mungibeddu, seguito da Melo Mammino con Paiseddu miu, Laura Reitano con A puana, Giovanna Cardillo con A fogghia, il piccolo Lorenzo Ardita con A musca, Pippo Tomaselli con E cuntu li frummiculi e Morena Patti con E si parra di paci.

Presenti all’incontro la dott.ssa Tania Spitaleri, assessore alla cultura, la dott.ssa Antonella Santanoceto, assessore alla pubblica istruzione, e il consigliere comunale Salvo Cavallaro. Tutti hanno elogiato la scelta dei temi trattati con l’impegno di trasmettere alle nuove generazioni la conoscenza della nostra lingua, partendo dai banchi di scuola, per non perdere le radici della nostra terra.

Potrebbero interessarti anche