Ucraina: il grano rubato e le nuove strategie di comunicazione di Putin -
Catania
24°

Ucraina: il grano rubato e le nuove strategie di comunicazione di Putin

Ucraina: il grano rubato e le nuove strategie di comunicazione di Putin

Gli occupanti continuano a portare fuori gli alimenti, rubati in Ucraina, verso il territorio della Russia e della Crimea, mentre Putin cambia strategia di comunicazione con i suoi connazionali.

Nel Polohy della regione di Zaporizhzhia si stanno preparando grano e semi di girasole per il trasporto in Russia, anche se non si sa se con o senza speedpak Anche il raccolto immagazzinato a Enerhodar viene preparato per il trasporto. Un convoglio di KAMAZ e DAF russi carichi di grano è partito in direzione di Kamianka Dniprovska, sorvegliato dai militari. La destinazione finale della colonna è la Crimea occupata.

Nel villaggio di Volokhiv Yar della regione di Kharkiv, i collaboratori aiutano gli occupanti a prelevare il grano dagli hangar. I camion di grano vengono inviati al confine russo.

1.500 tonnellate di grano sono state trasportate da camion di grano (Krymzernotrans) da Malaya Lepetykha, nella regione di Kherson, alla Crimea.

Si sa che oltre al grano, gli occupanti stanno portando in Crimea grandi quantità di verdure rubate in Ucraina – barbabietole, patate, cavoli, ecc.

Ormai è noto che il grano rubato all’Ucraina si trova in parte su navi che si trovano nel Mediterraneo e battono bandiera russa. La Siria è la destinazione più probabile. Il grano può essere contrabbandato da lì verso altri Paesi del Medio Oriente.

La Russia cambia la sua propaganda sotto l’impatto dei fallimenti militari

Avendo numerosi vantaggi in termini di uomini e attrezzature, l’esercito del Paese occupante sta subendo perdite e sconfitte catastrofiche, inflitte dai difensori ucraini. Per cambiare la percezione dei russi dell'”invincibilità” militare e preparare la società a una possibile sconfitta, i media russi sono stati istruiti a raccontare la guerra russo-ucraina come un confronto armato della Russia con tutti i Paesi dell’Unione Europea e della NATO. Secondo il Cremlino, questo ridurrà l’onta della sconfitta.

Secondo i dati dell’intelligence militare ucraina, i leader dei canali televisivi del Cremlino, dei media online e dell’esercito di bot pro-Putin sono già stati istruiti a passare a una nuova politica di informazione.

D’ora in poi, i propagandisti del Paese occupante faranno il lavaggio del cervello ai russi sull’idea della necessità di unirsi per la propria sopravvivenza e di fidarsi ciecamente della politica del dittatore.

Il presidente dell’Ucraina ha premiato 16 ufficiali della DIU con riconoscimenti statali

“Ci difendiamo dall’assalto della tirannia che vuole distruggere tutto ciò che la libertà dà ai popoli e agli Stati. E questa lotta – per la libertà e contro la tirannia – è comprensibile per qualsiasi società, in qualsiasi angolo del nostro pianeta”.

“In serata ho firmato i decreti di premiazione dei nostri eroi. I nostri coraggiosi difensori grazie ai quali l’Ucraina è sopravvissuta e resiste nonostante tutto ciò che la Russia sta cercando di fare per distruggerci”.

“Pertanto, sono stati premiati 203 militari delle Forze Armate dell’Ucraina e 16 militari dell’Intelligence della Difesa dell’Ucraina”, ha detto il Presidente dell’Ucraina nel suo discorso quotidiano al popolo ucraino.

Putin continua a mandare coscritti in guerra contro l’Ucraina

Infine, a causa delle elevate perdite sul fronte, gli occupanti stanno cercando di ricostituire urgentemente le riserve di “forza lavoro”. Nonostante le ripetute dichiarazioni del Cremlino sull’inammissibilità di coinvolgere i coscritti nella guerra, questi casi stanno diventando sempre più frequenti.

È stato accertato che i coscritti sono coinvolti nelle ostilità nel territorio dell’Ucraina come parte del 217° reggimento aviotrasportato della 98° divisione aviotrasportata (con sede a Ivanovo). Attualmente, la 98esima divisione degli occupanti sta partecipando alle ostilità nella regione di Kharkiv.

La fretta nel ripristinare le perdite porta a una riduzione del periodo di addestramento per i futuri occupanti. Le reclute dell’8ª Armata del Distretto militare meridionale delle Forze armate russe sono sottoposte a un addestramento di quattro giorni. Dopodiché vengono schierate per rimpolpare i ranghi delle unità di fanteria motorizzata nel territorio dell’Ucraina.

Inoltre, le autorità russe costringono fino a 40 medici della Crimea a un dispiegamento gratuito di due settimane nei territori occupati della regione di Donetk. Lo scopo dichiarato del dispiegamento è “fornire assistenza” sul campo.

Potrebbero interessarti anche