Giarre, alloggi popolari di via Trieste: sollecitato all'Iacp tavolo urgente dopo il blocco dei lavori -
Catania
24°

Giarre, alloggi popolari di via Trieste: sollecitato all’Iacp tavolo urgente dopo il blocco dei lavori

Giarre, alloggi popolari di via Trieste: sollecitato all’Iacp tavolo urgente dopo il blocco dei lavori

Il sindaco Leo Cantarella e l’assessore all’Edilizia residenziale pubblica, Giusi Savoca manifestano la propria preoccupazione per gli effetti provocato dal fermo cantieri in via Trieste (62 alloggi Iacp) in seguito alla contestazione di una interdittiva antimafia a carico dell’impresa appaltatrice dei lavori, il Consorzio Stabile Progettisti Costruttori, con sede in Maletto.

Un blocco che rischia di pregiudicare  le aspettative di decine di nuclei familiari in difficoltà. Sindaco e assessore, in una nota indirizzata all’Istituto Autonomo Case Popolari e ai Carabinieri della locale Compagnia, hanno richiesto “la convocazione di un tavolo tecnico urgente”. Tutto ciò – si legge nella missiva  – “in considerazione che esiste agli atti dell’Ufficio Patrimonio dell’Ente comunale, una graduatoria definitiva degli aventi diritto che attendono da anni un alloggio consono alle esigenze del proprio nucleo familiare”.

La convocazione del tavolo “è finalizzata al chiarimento della sospensione dei lavori in via Trieste, anche nell’ottica di tutelare il cantiere nelle more di una ripresa dei lavori”.

L’Iacp di Acireale, proprietario dell’immobile, già nei giorni scorsi per bocca del direttore avv. Elisa Trovato, intende proseguire con “la massima cautela rispettando i tempi e, nel caso, si procederà con lo scorrimento della graduatoria”, nella consapevolezza della sussistenza di interdittiva antimafia, che, con l’art. 94 D.Lgs. n.159/2011, prevede espressamente che l’Amministrazione cui è fornita l’informazione antimafia, non può stipulare, approvare o autorizzare i contratti o subcontratti”.

Potrebbero interessarti anche