Nel torrente Macchia a S.Maria la Strada scorrono liquami fognari. Il sindaco: "Adesso basta con gli scaribarile" -
Catania
24°

Nel torrente Macchia a S.Maria la Strada scorrono liquami fognari. Il sindaco: “Adesso basta con gli scaribarile”

Nel torrente Macchia a S.Maria la Strada scorrono liquami fognari. Il sindaco: “Adesso basta con gli scaribarile”

Nel tratto terminale del torrente Macchia, in corrispondenza dell’abitato di Santa Maria la Strada, scorrono verso il mare di Sant’Anna liquami maleodoranti provenienti dalle tubazioni fognarie interrate nel letto del torrente. Lo sversamento di liquami rappresenta un grave rischio di inquinamento, con potenziale incidenza sulla salute pubblica.

I fatti erano stati segnalati al Comune nell’agosto della scorsa estate. Ma il sindaco Leo Cantarella è stato informato solo l’altro ieri dal segretario generale Marco Puglisi, a sua volta venutone a conoscenza, ufficialmente, a distanza di oltre 3 mesi dalla segnalazione, di cui si è pure persa traccia. Il primo cittadino ha disposto ieri stesso una ordinanza urgente e contingibile, per effettuare un sopralluogo, individuare l’origine della fuoriuscita dei liquami e riparare il danno. Sindaco e segretario si sono detti basiti per il ritardo con cui è stata data notizia dall’Ufficio tecnico all’Amministrazione. E per il fatto che, a distanza di un cosi lungo periodo, nessuno sia intervenuto.

Cantarella è adesso lui un “fiume” in piena. E respinge con forza ogni stucchevole tentativo di scaricabarile e annuncia che su questa vicenda vuole andare a fondo. In questo senso sembra emergere uno scollamento tra amministratori e dirigente dell’Area tecnica che – si apprende da fonti qualificate – ha potenzialmente esposto il sindaco Cantarella, in ordine a responsabilità indirette nella sua veste di massima autorità sanitaria comunale. “Ho avuto legale conoscenza della vicenda dal segretario generale solo giovedi – rimarca amareggiato il primo cittadino – lo stesso segretario, paradossalmente, era come me all’oscuro ed ha appreso i fatti in pari data: inaccettabile. Non trascorrerò 5 anni con questo andazzo”.  Sullo sfondo, come detto,  un demoralizzante scaricabarile tra vari dipartimenti dell’ente con il sindaco che, a margine di una infuocata riunione, in presenza del segretario, si è detto fortemente rammaricato e deciso a mettere fine a questa frammentazione tra i vari settori dell’Ente.

Frattanto la fiumana di liquami continua a scendere inesorabilmente verso il mare, con conseguenti timori per quanto riguarda la qualità delle acque.

Potrebbero interessarti anche