Giarre, ampliamento caserma dei Carabinieri: si accelera l'iter procedurale. Tavolo al Comune -
Catania

Giarre, ampliamento caserma dei Carabinieri: si accelera l’iter procedurale. Tavolo al Comune

Giarre, ampliamento caserma dei Carabinieri: si accelera l’iter procedurale. Tavolo al Comune

Tavolo operativo tra Comune e Arma dei Carabinieri. Al centro del confronto l’iter procedurale del progetto di ampliamento della caserma dei carabinieri, sede della locale Compagnia, alla luce del recente atto deliberativo della Regione con cui si dispone il finanziamento del primo stralcio funzionale dei lavori di “manutenzione straordinaria” dei locali militari di corso Sicilia.

Come noto la somma stanziata dalla Regione ammonta a 156 mila euro. Alla riunione convocata dal sindaco Leo Cantarella e svoltasi nella sede municipale, hanno preso parte per il Comune, il sindaco con gli assessori Claudio Raciti e Tania Spitaleri e la dirigente dell’Area tecnica, ing. Pina Leonardi; in rappresentanza dell’Arma dei carabinieri, il comandante della compagnia, capitano Fabrizio Rosati con i luogotenenti Alessandro Calabretta e Nunzio Calderone.

Da un rapido esame della documentazione tecnica in possesso dell’Ufficio tecnico è emerso che il progetto redatto risale al 2015 e, alla luce dei mutamenti dei prezziari regionali, appare imprescindibile un suo aggiornamento.

Si è stabilito di pianificare una road map procedurale, allo scopo di ottimizzare i tempi e attraverso un preciso metodo, collegare tra loro tutti gli atti fin qui prodotti. Un primo step da mettere in atto riguarda quel nucleo familiare che, transitoriamente – cosi come disposto dai Servizi sociali del Comune – occupa una porzione dell’ex Pretura.

Appare quindi necessario risolvere in primis l’aspetto sociale, ricollocando in altro immobile la famiglia che occupa i locali. Si è poi deciso di organizzare anche un sopralluogo allo scopo di verificare lo stato dei luoghi a cominciare dalle condizioni strutturali.

E’ emersa l’esigenza di quantificare la somma complessiva per il completamento definitivo dell’opera di ampliamento, al netto del finanziamento deliberato, chiedendo alla Regione una somma più consistente derivante dai fondi di solidarietà e sviluppo. Per venerdi prossimo è previsto un aggiornamento del tavolo al Comune.

Potrebbero interessarti anche