Pasqua senza futuro per i residenti di Rovettazzo. Sciacallaggio negli alloggi sgomberati -
Catania
16°

Pasqua senza futuro per i residenti di Rovettazzo. Sciacallaggio negli alloggi sgomberati

Pasqua senza futuro per i residenti di Rovettazzo. Sciacallaggio negli alloggi sgomberati

Pasqua senza prospettive chiare per i nuclei familiari residenti negli alloggi popolari  di via Strada XVIII in contrada Rovettazzo, all’ingresso sud della città,  teatro, nel novembre scorso, del crollo di un balcone, al secondo piano di una palazzina, che, sulle risultanze di un sopralluogo congiunto di vigili del fuoco e Iacp, proprietario dell’immobile, è stata nell’immediatezza dichiarata inagibile e quindi interdetta agli inquilini. E nei giorni scorsi, all’esito dei carotaggi eseguiti in una delle tre palazzine popolari escluse da provvedimenti di messa in sicurezza (sono sati rilevati gravi carenze strutturali derivanti dall’impiego di calcestruzzo depotenziato), è stata decretata l’inagibilità degli immobili attraverso una ordinanza sindacale firmata dal primo cittadino Angelo D’Anna.

Una ventina i nuclei familiari interessati dallo sgombero e che a Pasqua, rimarranno ancora in quelle case in attesa dei provvedimenti annunciati dal Comune, tra cui un possibile trasferimento nei locali dell’ex Ipab “Marano” di via Luigi Orlando. L’incertezza, al momento, prevale su tutto e, nel contempo, crescono le preoccupazioni per gli atti di vandalismo e di sciacallaggio negli alloggi popolari, quelli della palazzina già sgomberata lo scorso novembre, dove si sono verificati alcuni accessi notturni con furti e danni alla mobilia “In una casa al terzo piano dice Martina Parisi, portavoce degli inquilini di Rovettazzo – hanno tentato di dare fuoco ad un materasso e distrutto un televisore. Molti inquilini hanno paura che possa accadere il peggio”. Frattanto dal Comune si è appreso che è stata approvata la graduatoria provvisoria assegnazione in locazione semplice alloggi popolari di edilizia residenziale pubblica siti nel Comune di Giarre. La stessa è stata pubblicata all’albo pretorio online dell’ente.

Potrebbero interessarti anche