“Siete la luce nella tempesta”, una lirica del dedicata a tutti gli operatori sanitari -
Catania
12°

“Siete la luce nella tempesta”, una lirica del dedicata a tutti gli operatori sanitari

“Siete la luce nella tempesta”, una lirica del dedicata a tutti gli operatori sanitari

La seconda ondata della pandemia del Covid-19 torna a fare paura e continua il tributo dei medici, infermieri, OSS, ausiliari e del personale del 118, la “prima linea” della nostra Sanità.

Come segno di gratitudine e di vicinanza a tutti gli operatori sanitari, impegnati in prima linea a combattere con instancabile perizia il Covid-19 e a salvare vite umane, il poeta Rosario La Greca di Brolo, ha voluto dedicare la lirica dal titolo “Siete la luce nella tempesta”.

Un’opera che vuole essere un sentito ringraziamento, per il grande impegno profuso, la tenacia e la dedizione, in questa difficile missione quotidiana al servizio di tutti i cittadini.

Siete la luce nella tempesta

Il primo pensiero è rivolto a voi,

angeli dal camice bianco, orgoglio per tutti noi.

Siete la luce che nella tempesta

infonde coraggio, dona conforto e ridesta

la speranza che andrà tutto bene.

Un bagliore di luce nelle corsie strapiene,

una missione in prima linea d’instancabile perizia,

per sconfiggere un nemico invisibile, che con dovizia

si spande come un flagello nell’universo.

Non c’è giorno, sera, notte, non c’è verso,

con la maschera sul viso di cloro intriso,

la tuta di protezione e l’impegno condiviso

da tutti gli “angeli”, che in trincea lottano

con tenacia, perseveranza e coraggio sovrumano.

A voi, operatori sanitari, anche del 118, l’infinita

gratitudine, l’affetto, la vicinanza, per ogni vita

salvata, a disprezzo del pericolo incorso.

Siete e resterete la linfa vitale nel decorso

della sofferenza, che alleviate con amore,

una missione che vi fa tanto onore.

Non vi lasceremo soli, al vostro fianco saremo,

insieme, angeli discesi dal cielo, ce la faremo.

Rosario La Greca – Brolo (Messina)

Potrebbero interessarti anche