Vertenza Buda Sag, nuovo tavolo regionale sul passaggio all’Ast -
Catania
26°

Vertenza Buda Sag, nuovo tavolo regionale sul passaggio all’Ast

Vertenza Buda Sag, nuovo tavolo regionale sul passaggio all’Ast

Prosegue ad oltranza lo sciopero dei lavoratori delle ditte Buda & Sag, che da 20 mesi non percepiscono lo stipendio.

Frattanto l’Ast avrebbe manifestato delle difficoltà procedurali nell’assunzione in blocco dei lavoratori della Buda e Sag: un passaggio molto delicato che si unisce al pesante arretrato di stipendi. E non mancano i malumori tra i lavoratori che nelle scorse settimane hanno occupato il Duomo chiedendo e ottenendo un incontro urgente con l’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone che ha rasserenato i lavoratori al termine di un confronto tenutosi a margine della manifestazione di protesta.

Mentre nei giorni scorsi i lavoratori delle due società di autolinee hanno incontrato in municipio il sindaco di Giarre Angelo D’Anna, sollecitando un tavolo urgente in Prefettura. Segnaliamo che gli animi dei lavoratori sono tesi e non escludiamo delle imminenti ulteriori azioni di protesta, anche per evidenziare ulteriori illeciti oltre alle assunzioni irregolari – si legge in una nota sindacale della Faisa Cisal (Coordinamento delle Autolinee Private) -. Da oggi le aziende dovrebbero garantire tutti i servizi previsti dal contratto di affidamento, per cui vigileremo su eventuali ulteriori illecite assunzioni vietati per la sostituzione del personale in sciopero e nel caso, non escludiamo proteste eclatanti. Auspichiamo una immediata soluzione della vertenza, che, nonostante la incresciosa situazione in cui versano le famiglie dei lavoratori, sta mettendo in evidenza un rimpallo di responsabilità. Lassessore regionale alle Infrastrutture ed i propri uffici devono assumere con immediatezza tutte le decisioni che gli competono, evidenziando che ai lavoratori e alle parti sociali interessa solo che vengano pagati gli stipendi e che riprendano regolarmente i servizi”.

Frattanto la V Commissione permanente dell’A.R.S. per oggi 7 luglio ha convocato tutte le parti in causa: gli assessori regionali al Lavoro e ai Trasporti e con essi i rispettivi direttori generali dei Dipartimenti, le due aziende di autolinee Buda e Sag con i rispettivi amministratori e i rappresentanti sindacali di categoria, per affrontare, in video conferenza, la delicata vertenza e attivare gli atti conseguenziali di propria competenza

Potrebbero interessarti anche