Faretti da esterno: come e dove posizionarli -
Catania
26°

Faretti da esterno: come e dove posizionarli

Faretti da esterno: come e dove posizionarli

Molte persone, soprattutto coloro che dispongono di un giardino, decidono di collocare dei faretti da esterno per avere una migliore illuminazione e garantire allo stesso tempo un’atmosfera più suggestiva e piacevole.

Un dubbio che, però, si pongono in tanti riguarda la modalità di collocazione, in particolar modo il come e dove posizionarli.

Dove posizionare i faretti da esterno

Volendo partire dal dove posizionarli, si può subito affermare che, quando si pensa a una collocazione dei faretti led nel giardino o nel vialetto, bisogna cercare di non porli in maniera che risultino eccessivamente distanti l’uno dall’altro. Oltre questo, si deve prestare molta attenzione ed essere precisi in questa operazione, cercando di fare in modo che la distanza tra i faretti non sia discontinua e creata a caso.

Quindi, indipendentemente dalla scelta dei vari formati e tipologie di faretti da esterno per giardini, la cosa più importante rimane quella di misurare la distanza e il luogo del posizionamento.

Una volta definito il luogo del posizionamento, non resta che scegliere il modello perfetto per illuminare lo spazio esterno. Un aspetto molto importante da prendere in considerazione è che i faretti devono essere posti in modo tale da realizzare un vero e proprio sentiero luminoso che possa fare da guida alle persone che entrano ed escono dal vialetto con i veicoli e anche a piedi, senza che queste corrano il rischio di subire danni.

I modelli di faretti più utilizzati per illuminare il vialetto esterno sono i cosiddetti segnapassi. Si tratta di faretti dalle dimensioni ridotte, quadrati o tondi, che possono essere posizionati sia nel muretto che circonda il vialetto, sia all’interno del pavimento.

Un vantaggio che quest’ultima tipologia è in grado di apportare, è sicuramente quello estetico: essi, infatti, risultano essere molti belli da vedere, creando un effetto suggestivo e permettendo di accogliere eventuali ospiti con un’illuminazione efficace e e non eccessiva. La caratteristica principale è che prevedono, appunto, un’illuminazione più fioca, per cui non servono a irradiare enormi quantità di luce.

Chi, invece, preferisce puntare l’attenzione su quest’ultimo aspetto, allora dovrà optare per lampioncini alti, che sono in grado di irradiare più luce. Ma, d’altro canto, non sempre risultano essere la migliore soluzione.

Il principale svantaggio dei lampioncini è che occupano molto spazio in virtù delle loro dimensioni; un problema, tuttavia, di facile risoluzione soprattutto per coloro che dispongono di molto spazio esterno e vogliono garantirsi una migliore luminosità.

Questa maggiore illuminazione, di conseguenza, porterà con sé anche costi superiori di energia elettrica.

Tuttavia, oggi le persone hanno la possibilità di scegliere tra diversi modelli e diversi luoghi dove posizionarli, oltre che poter optare per l’illuminazione Led, riuscendo quindi a trovare la soluzione più adatta alle proprie esigenze in grado di abbattere i costi e qualunque altro tipo di problema.

Come installare i faretti per illuminare il vialetto

Una cosa molto importante da prendere in considerazione quando si parla dei faretti da esterno, riguarda sicuramente il come installarli. Le alternative a disposizione sono poche e scontate: infatti, chi non ha dimestichezza nel settore, dovrà rivolgersi a un professionista che si occupi del montaggio e anche del collegamento con la corrente elettrica.

Infatti, anche se apparentemente i faretti possono sembrare semplici da montare, richiedono notevoli competenze nel campo dell’elettricità.

La prima cosa da fare è quella di individuare il pozzetto dei fili, che di solito è presente a terra nella zona esterna alla casa. In caso contrario, la soluzione alternativa è quella di portare i cavi elettrici dalla presa più vicina e, prima di farlo, è indispensabile aprire buchi nel pavimento o nel terreno dove andranno posizionati i faretti.

Dopodiché, non resterà che portare i fili ai buchi effettuati per poi precedere all’installazione dei faretti; infine non si dovrà fare altro che aggiustare il profilo del faretto e chiudere i buchi.

Come si può vedere, però, si tratta di un lavoro che difficilmente può concludere chi non ha esperienza nel settore; queste, infatti, sono operazioni abbastanza complesse che richiedono l’aiuto di un professionista.

Potrebbero interessarti anche