Giarre, fondi per l’efficientamento energetico: corsa contro il tempo -
Catania
30°

Giarre, fondi per l’efficientamento energetico: corsa contro il tempo

Giarre, fondi per l’efficientamento energetico: corsa contro il tempo

Corsa contro il tempo per usufruire dei fondi previsti dal governo nazionale per l’efficientamento energetico nel Comune di Giarre. Dovranno infatti  prendere il via entro il prossimo 31 ottobre – pena la revoca degli stanziamenti – i lavori che si avvalgono del finanziamento previsto nel cosiddetto “Decreto Crescita 2019” che contempla mirati contributi destinati ai Comuni per l’efficientamento energetico e lo sviluppo territoriale sostenibile. Al Comune di Giarre che rientra nella fascia con popolazione compresa tra 20 mila e 50mila  abitanti, è stato concesso dal ministero dello Sviluppo Economico un contributo pari a 130mila euro.

L’amministrazione comunale giarrese ha scelto di impiegare le somme del governo nazionale, in piena aderenza a quanto previsto dal decreto, per interventi volti all’efficientamento dell’illuminazione pubblica, al risparmio energetico degli edifici di proprietà pubblica e di edilizia residenziale pubblica. In questo quadro sonio due i progetti in fase di predisposizione e riguardano il palazzo comunale di viale Federico II di Svevia, sede degli uffici finanziari del Comune e di atre strategiche ripartizioni dell’ente comunale, sul cui tetto saranno installati dei pannelli fotovoltaici per alimentare i sistemi   per   la   produzione   di energia elettrica da fonti rinnovabili. L’intervento comporterà un significativorisparmio energetico a fronte di decine di locali dislocati sui tre piani del complesso edilizio in cui hanno sede uffici sale riunioni, spazi comuni. E una parte del finanziamento riguarda invece l’efficientamento della pubblica illuminazione con l’introduzione di apparecchi illuminanti a tecnologia led.

L’amministrazione comunale ha scelto di valorizzare il proprio “salotto”, ovvero piazza Duomo che, da lunghi anni, necessita di un impianto di illuminotecnica adeguato e che allo stato non esalta nella giusta misura la gigantesca piazza giarrese. Il progetto prevede per l’appunto di sostituire i corpi illuminanti dei quattro candelabri artistici che si trovano ai bordi della piazza, cosi da assicurare una migliore e più omogenea illuminazione. Analogamente si vorrebbero sostituire i corpi illuminanti di atri impianti che ricadono nelle strette vicinanze del centro storico della città. Il contributo erogato dal ministero al Comune è pari alla spesa effettivamente sostenuta dallo stesso e comunque non superiore all’importo stabilito nel decreto di assegnazione.

Potrebbero interessarti anche