Giarre, video sorveglianza attiva solo in alcuni edifici -
Catania
24°

Giarre, video sorveglianza attiva solo in alcuni edifici

Giarre, video sorveglianza attiva solo in alcuni edifici

Diverse aree del territorio comunale risultano sprovviste di impianti di videosorveglianza, tra cui alcune teatro di reiterati episodi delinquenziali, come il rione popolare Jungo (via Liguria, prolungamento di via Romagna, via Gorizia, parte terminale di via Settembrini), l’area urbanistica di viale don Minzoni (quartiere popolare Satellite). E ancora a protezione di alcuni beni immobili strategici del Comune: la biblioteca di piazza Neri, la sede della delegazione comunale di Macchia in via Principe di Piemonte, il centro polifunzionale di via Calderai (telecamere presenti ma non attive), il museo antropologico di Macchia, il parcheggio di via Teatro, il micro asilo di via Russo a Macchia. Mentre restano in avaria le numerose telecamere dislocate in svariatezone strategiche della città: via Callipoli, corso Italia, via Trieste, corso Messina, un tempo collegate con unacentrale di monitoraggio attiva nella sede del comando di polizia locale. La società Servizi Speciale che detiene l’appalto per la manutenzione di parte della pubblica illuminazione giarrese, ha ricevuto l’incarico, nei mesi scorsi, di effettuare un monitoraggio degli impianti e di quantificare la spesa per il ripristino dei dispositivi, circa una trentina. Il report è stato trasmesso al competente ufficio comunale ma ad oggi non è stato ancora avviato alcun intervento manutentivo. Tuttavia, come dicevamo, l’amministrazione, si è limitata ad innalzare i ilivelli di sicurezza solo in alcuni edifici. Nella Casa comunale sono già attivi diversi apparati; analogamente sono state attivate le telecamere anche nell’edificio sede dell’Ufficio tecnico e nel vicino palazzo delle culture. Risultano dotati di impianti di video sorveglianza anche la sede degli uffici finanziari e l’autoparco comunale di Trepunti. L’assessore alla Sicurezza, Patrizia Lionti rassicura: “Abbiamo già installato telecamere nei siti principali quali palazzo comunale di via Callipoli, Ufficio Tecnico, palazzo della Cultura. Per quelle esterne – rimarca l’assessore alla Sicurezza Patrizia Lioni – attendiamo che la Ragioneria verifichi le risorse economiche necessarie, ma si sta continuando a lavorare in questa direzione. La sicurezza del territorio è una priorità assoluta e oltre alla collocazione degli impianti di videosorveglianza, non si sta trascurando il loro collegamento con la centrale operativa della Compagnia dei carabinieri, aspetto fondamentale per assicurare l’intervento immediato”.

Potrebbero interessarti anche