Giarre, via Liguria bomba ecologica incombe nell’indifferenza del Comune -
Catania
24°

Giarre, via Liguria bomba ecologica incombe nell’indifferenza del Comune

Giarre, via Liguria bomba ecologica incombe nell’indifferenza del Comune

Rifiuti e degrado diffuso nel quartiere popolare Jungo con una situazione limite in via Liguria dove da lunghi mesi incombe una gigantesca bomba ecologica nell’indifferenza del Comune.

Scarti edilizi, olii combustibili, ma anche rottami di motore, pneumatici ed elettrodomestici di ogni modello e misura. E poi cataste di pedane in legno, profilati in ferro, innumerevoli componenti dicarrozzeria, motori di scooter e auto. Materiali – molti dei quali nocivi – cui ignoti, a qualunque ora del giorno, danno fuoco, sprigionando fumi tossici che inquinando il vasto quartiere popolare. Gli interventi dei vigili del fuoco si susseguono, l’ultimo di una serie lo scorso lunedì, in via Liguria.

Ciclicamente nubi nere e fumi tossici a pochi metri dai balconi di casa degli insediamenti abitativi. Uno sconfortante quadro di assoluto degrado e di inquinamento ambientale.

Accanto alle varie postazioni ecologiche si sono formate delle micro discariche con odori nauseabondi, mentre il terreno che circonda gli alloggi è ricoperto di materiali ingombranti, rifiuti edili e pneumatici. E alla vigilia della stagione estiva con le temperature roventi si innalza il pericolo degli incendi nei terreni incolti o abbandonati, con conseguente grave pregiudizio per la pubblica incolumità delle persone e dei beni pubblici.

La scorsa estate si sono susseguiti numerosi interventi dei vigili del fuoco che hanno scongiurato in diverse occasioni danni materiali e ambientali pesanti. I terreni incolti e in stato di abbandono che circondano gli insediamenti abitativi necessitano di un urgente intervento di bonifica oltre che di scerbatura. Rovi e sterpaglie in alcuni punti anni superano il metro di altezza.

Un caso limite è rappresentato dalla rigogliosa vegetazione che circonda gli alloggi popolari incompiuti di via Trieste. Erbacce, sterpaglie e vegetazione secca sono una potenziale fonte di incendio in estate con il pericolo incombente che le fiamme possano attaccare le vicine abitazioni. Anche a ridosso degli alloggi “ex Gescal” e alle spalle dei 62 appartamenti incompiuti, cumuli di rifiuti ingombranti, di varie dimensioni, sono stati abbandonati a ridosso dell’area perimetrale delle palazzine e sommerse, in parte, dalla fitta vegetazione.

Nel tratto compreso tra la via Liguria e il prolungamento di via Romagna è carente anche la pubblica illuminazione, mentre il manto stradale in più punti è dissestato e costellato da pericolose buche che diventano trappole per le auto e i mezzi a due ruote in transito specie nelle ore notturne.

Potrebbero interessarti anche