Ambulanza della morte: rinviati a giudizio due barellieri per omicidio volontario ed estorsione -
Catania
30°

Ambulanza della morte: rinviati a giudizio due barellieri per omicidio volontario ed estorsione

Ambulanza della morte: rinviati a giudizio due barellieri per omicidio volontario ed estorsione

La Procura di Catania ha chiesto il rinvio a giudizio dei barellieri Agatino Scalisi e di Garofalo Davide, entrambi di 33 anni, per omicidio volontario ed estorsione aggravata dal metodo mafioso nell’ambito dell’inchiesta sulla cosiddetta ‘ambulanza della morte’. Il Gip Giovanni Cariolo ha fissato l’udienza il prossimo 10 ottobre.

Secondo l’accusa, tra il 2014 e il 2016, Garofalo (foto a destra) avrebbe ucciso tre persone, Scalisi, invece, una. La tecnica, come rivelato da ‘Le Iene’, era quella di iniettare a pazienti terminali un’iniezione d’aria nelle vene, nel tragitto su ambulanze private dall’ospedale a casa, procurando il loro decesso per embolia gassosa e sostenendo che erano morti per cause naturali.

Obiettivo guadagnare i 200-300 euro di ‘regalo’ che la famiglia gli avrebbe dato per la ‘vestizione’ della salma. Soldi che sarebbero stati poi divisi con i clan mafiosi di Biancavilla e Adrano. Sul caso hanno indagato i carabinieri.

(Ansa)

Potrebbero interessarti anche