Francavilla di Sicilia: un grande regalo dal maestro Antonio Sgarlata -
Catania
39°

Francavilla di Sicilia: un grande regalo dal maestro Antonio Sgarlata

Francavilla di Sicilia: un grande regalo dal maestro Antonio Sgarlata

Il quotato pittore residente in Toscana, ma profondamente legato alla cittadina dell’Alcantara, ha donato al Comune cinquantatré suoi dipinti di vario genere, che quanto prima verranno esposti permanentemente in alcune sale di Palazzo Cagnone. Il sindaco Monea particolarmente commosso per questo straordinario atto di generosità

Da qualche giorno il Comune di Francavilla di Sicilia è sicuramente più “ricco”. Del suo patrimonio sono, infatti, entrati a far parte cinquantatré tele del quotato pittore Antonio Sgarlata, nativo di Giardini Naxos ma molto conosciuto e stimato anche nella cittadina dell’Alcantara, dove in tanti lo ricordano come raffinato decoratore.

Ormai da parecchi anni, il maestro Sgarlata risiede insieme alla moglie in Toscana (esattamente a Vernio, in provincia di Prato), ma è rimasto sempre legato a Francavilla al punto che, nei giorni scorsi, ha manifestato la volontà di donare a questo Comune gran parte delle sue opere pittoriche, già apprezzate in numerose mostre da lui tenute in prestigiose sedi espositive italiane.

«Era da tempo – spiega l’artista – che accarezzavo l’idea di tenere una mia personale a Francavilla, specie dopo aver appreso che, negli ultimi anni, ad ospitare questo genere di manifestazioni è il Palazzo Cagnone, un luogo a me particolarmente caro sia perché i suoi ex proprietari privati mi affidarono le decorazioni delle artistiche porte e sia perché la mia abitazione francavillese dista da esso appena una manciata di metri. L’attuale sindaco Lino Monea mi ha accolto a braccia aperte ed è stato ben felice di questa iniziativa espositiva, che si terrà nelle prossime settimane. Le mie cinquantatré tele, comunque, rimarranno esposte permanentemente in alcune sale di Palazzo Cagnone in quanto ho deciso di donarle alla comunità di Francavilla, di cui conservo bei ricordi e che in questi anni ho sempre portato nel mio cuore pur risiedendo altrove. Altre importanti e visitatissime strutture museali nazionali mi hanno fatto la “corte” per accaparrarsi queste opere, ma io voglio che esse restino nei luoghi cui mi sento di appartenere».

Così, qualche giorno fa, Antonio Sgarlata ed il sindaco Lino Monea, alla presenza del segretario comunale Giuseppe Bartorilla e del curatore degli eventi espositivi Angelo Varrica, hanno sottoscritto l’atto di donazione delle cinquantatré tele, ognuna delle quali presenta una quotazione media di un paio di migliaia di euro, che quanto prima potranno essere ammirate visitando la relativa mostra a Palazzo Cagnone alla presenza del loro autore ed anche quando quest’ultimo farà ritorno in Toscana, visto che rimarranno permanentemente esposte nell’antico e sontuoso immobile di Piazza San Francesco.

L’estro pittorico di Antonio Sgarlata spazia dai generi tradizionali, quali paesaggi, ritratti, nature morte e nudi femminili, a forme espressive originali quali i cosiddetti “falsi d’autore” e la pittura a rilievo. I primi consistono nelle riproduzioni fedelissime dei grandi classici della pittura personalizzati dall’artista siciliano con l’aggiunta di qualche nuovo elemento (come, ad esempio, la Gioconda di Leonardo alla quale Sgarlata ha messo sul capo un curioso berretto). La seconda, invece, è una tecnica che consente all’autore di poter esprimere appieno la sua voglia di trasmettere emozioni in maniera estremamente plastica e colorata.

«La generosissima ed inattesa donazione disposta dal maestro Antonio Sgarlata in favore del nostro ente – ha dichiarato il primo cittadino francavillese Lino Monea – è sicuramente uno dei momenti più esaltanti di questo mio quinquennio amministrativo. Questo quotato artista nostro concittadino, pur risiedendo in un’altra parte d’Italia, ha dimostrato veramente di amare Francavilla, che adesso ha l’invidiabile privilegio di possedere quasi tutta la sua ingente ed apprezzatissima produzione pittorica, di cui si sono occupati autorevoli critici d’arte di caratura nazionale. Tutti i francavillesi, dunque, dobbiamo essere profondamente grati al maestro Sgarlata per questo suo significativo atto di liberalità, destinato a qualificare ulteriormente il nostro Palazzo Cagnone, che questa Amministrazione Comunale si è sempre sforzata di valorizzare al meglio».

Rodolfo Amodeo

 

FOTO: il pittore Antonio Sgarlata (seduto) al municipio di Francavilla mentre sottoscrive l’atto di donazione dei suoi quadri ed, alle sue spalle (da sinistra), l’art promoter Angelo Varrica, il sindaco Lino Monea ed il segretario comunale Giuseppe Bartorilla

Potrebbero interessarti anche