I residenti di via Carducci tra i liquami VIDEO -
Catania

I residenti di via Carducci tra i liquami VIDEO

I residenti di via Carducci tra i liquami VIDEO

I liquami e l’acqua allagano lo scantinato

Il sopralluogo del tecnico del Tribunale

Si è svolto stamattina il sopralluogo del consulente tecnico del Tribunale civile di Catania, geom.Riccardo Anastasi, nel piano cantinato degli alloggi di via Carbone a Fondachello di Mascali dove risiedono  da circa due anni gli inquilini  di via Carducci a Giarre. Alla ricognizione tecnica hanno preso parte i legali del Comune di Giarre avv. Alfredo Grasso e avv. Maria Mangano, il Rup del Contratto di quartiere, ing. Pina Leonardi, l’avv. Sandra Patané in rappresentanza della impresa Sicula costruzioni, il geom. Salvatore Russo responsabile del cantiere di via Carducci, l’avv. Salvo Ingrassia e l’ing. Giancarlo Lo Turco (consulente tecnico) in rappresentanza della proprietà degli immobili di Fondachello e l’avv. Cristoforo Alessi, legale degli inquilini di via Carducci.

Durante il sopralluogo è stata riscontrata soprattutto un’elevata quantità di acqua nei garage, probabilmente determinata da fenomeni di risalita quanto alla presenza di liquami la cui fuoriuscita in passato ha provocato problemi di carattere igienico sanitario sono in corso accertamenti.

Il CTU ha verbalizzato quanto riscontrato realizzando numerose foto e in questa fase non resta, quindi, che attendere che depositi la perizia. Il perito del Tribunale intende, verificare, nel contempo, quale sia la destinazione esatta dello spazio sottostante gli alloggi riservandosi, una eventuale interdizione dell’area.

Intanto si apprende che gli alloggi di via Carducci a Giarre sono quasi stati ultimati. Resta infatti da completare l’attivazione dell’energia elettrica e del metano i cui lavori inizieranno lunedì prossimo. Verosimilmente, entro la fine di febbraio gli alloggi dovrebbero essere pronti per essere assegnati ai legati inquilini.

Restano però da risolvere diverse delicate questioni: in primis la posizione degli degli abusivi (circa una ventina) e l’approvazione del Piano particolareggiato, da parte del Consiglio comunale, che adesso viene caldeggiato dal sindacato Sunia che propone, nel contempo, una variante al progetto originario,  per consentire la realizzazione di altri alloggi (almeno sette) al piano terra della costruzione.

L’avv. Cristoforo Alessi a tal proposito rileva che non può essere la politica causa di ulteriori rallentamenti che rischiano di ritardare il trasferimento degli inquilini nei nuovi alloggi.
In questo quadro, particolarmente complesso, una questione sembra esser stata tralasciata da tutti: che ne sarà del “nuovo” teatro, anch’esso facente parte integrante del finanziamento e del progetto del Contratto di quartiere? Dobbiamo rassegnarci allo status di eterna incompiuta? Attendiamo smentite.

VIDEO: L’AVV.CRISTOFORO ALESSI SUL FUTURO DEGLI ALLOGGI DI VIA CARDUCCI

 

Potrebbero interessarti anche