Il Giarre batte la capolista Igea Virtus -
Catania
13°

Il Giarre batte la capolista Igea Virtus

Il Giarre batte la capolista Igea Virtus

Alla vigilia sembrava un’impresa proibitiva, ma alla fine la gara contro la formazione giallorossa dell’Igea Virtus ha riservato un trionfo non rispecchiato dal punteggio. Il Giarre ha infatti annichilito, nell’impianto “La Carlina” di Trecastagni, la capolista Igea Virtus con un successo che meritava un punteggio più largo. La compattezza del collettivo gialloblù, la corta distanza tra i reparti e l’efficace aggressione degli spazi, sono stati alcuni dei principali fattori che, insieme alla feroce determinazione e alla foga agonistica estrinsecate in campo, hanno determinato la vittoria di un Giarre capace di neutralizzare la pericolosità degli ospiti.

La formazione jonica è salita dunque prepotentemente in cattedra dopo due sconfitte di fila e pertanto adesso può guardare al futuro con maggiore serenità in vista di un altro infuocato derby all’orizzonte come la gara contro il Siracusa al “De Simone”. Il 4-4-2 approntato da mister Romeo con Di Mauro e Villani ad occupare la posizione di esterni bassi a supporto della coppia Patanè-Famà, e con Nirelli e Leotta ad irrombustire la linea di centrocampo composta in mezzo da Benedettino e Patti, mette sin da subito in ambasce la formazione ospite, schierata invece con un 4-2-3-1. La propensione dell’attaccante Tenerelli ad abbassarsi per aiutare il centrocampo, così come l’abilità del bomber Aleo negli inserimenti, hanno fatto il resto. Decisivo comunque nel secondo tempo l’ingresso in campo di Sottile, il quale con un magistrale tiro ad effetto da distanza considerevole, ha tolto le ragnatele dal sette.

Nel primo tempo, al 5′, la punizione di Tenerelli a scavalcare la barriera, si spegne non lontano dall’incrocio dei pali. Poco dopo è Aleo a sfiorare il vantaggio con una percussione all’interno dell’area che culmina in un tiro capace di vanificare l’uscita del portiere Galipò ma non di impedire che la difesa ospite ci metta una pezza. Successivamente Tenerelli, dopo aver provato un tiro dalla distanza che non inquadra la porta, avvia un’azione poi non concretizzata da Aleo. Infatti il tiro di quest’ultimo termina alto. Al 17′ del primo tempo invece Biondo dell’Igea Virtus impegna Nicotra, costretto ad uscire con i pugni su una punizione. Al 29′ del primo tempo una folata offensiva di Villani consente a Leotta di scodellare un pallone per Aleo, il quale sotto porta non riesce ad inquadrarne lo specchio. Al 33′ del primo tempo Aleo scheggia la traversa con un tiro dalla distanza mentre al 47′, Leotta fraseggia con Tenerelli, il triangolo libera Leotta il quale a tu per tu con Galipò spara alto. Si chiude così sullo 0-0 il primo tempo.

Nella ripresa ancora Aleo, sempre pericolosissimo, ruba palla a Ravidà per poi scoccare una conclusione respinta con la gamba da Frassica. Al 10′ del secondo tempo, biondo dell’Igea, ben servito, scocca da fuori area un tiro fiacco e preda di Nicotra. Al 22′ del secondo tempo poi Sottile sostituisce Nirelli, vittima di una botta allo stinco. Al 34′ del secondo tempo arriva la rete del vantaggio gialloblù. Il fantasista Sottile si rende protagonista di un assolo che nessuno riesce a interrompere e così proprio lui da fuori area, poco dietro il vertice dell’area, si inventa una traiettoria a giro che si insacca all’incrocio. Goal dell’1-0 per il Giarre! Poco dopo Aleo, ben imbeccato da Sottile, sfiora il palo opposto con un tiro ad incrociare. Poi è Contarino a sfiorare il raddoppio con una ripartenza fulminante ma a tu per tu con il portiere l’attaccante gialloblu scocca un tiro telefonato. L’Igea Virtus si riversa in avanti con la forza della disperazione ma i suoi assalti senza costrutto sono interrotti dal triplice fischio, che sancisce il trionfo del Giarre, portatosi a 7 punti in classifica.

Potrebbero interessarti anche