Domenica di sangue, 2 agguati e 3 arresti -
Catania
20°

Domenica di sangue, 2 agguati e 3 arresti

Domenica di sangue, 2 agguati e 3 arresti
Leonardo Parisi

Leonardo Parisi

Pomeriggio di sangue quello di ieri, domenica, tra Giarre, Riposto e Mascali, a causa del verificarsi di due distinti agguati: uno a Mascali ed uno a Riposto e che si ritiene possano essere collegati tra loro. Nel primo episodio, quello di Mascali, è rimasto ferito lievemente un uomo, un pregiudicato mascalese, obiettivo del commando di fuoco (leggi l’articolo Far West tra Mascali, Riposto e Giarre. Un ferito e tre fermati VIDEO). In un secondo agguato, invece, in tarda serata, un commando, composto da più elementi a bordo di due autovetture, una Bmw serie 5 e una Daewoo Matiz,

SEQUESTRO MATIZ

SEQUESTRO MATIZ

in via Etna di Riposto, hanno atteso che la vittima designata scendesse in strada per conferire i rifiuti nel vicino cassonetto esplodendogli contro numerosi colpi di pistola, cal. 7,65, che fortunatamente si sono conficcati nel muro prospiciente l’abitazione dell’uomo del quale non sono state fornite le generalità.I carabinieri, sulla scorta di alcune segnalazioni, hanno poi intercettato i presunti componenti del commando nella zona dei caffé concerto alle spalle di Piazza Carmine a Giarre, dando vita ad un inseguimento a piedi, a conclusione del quale, i militari sono riusciti a bloccare all’ingresso di un garage di via Alfieri la Bmw e ad arrestare, dopo una breve colluttazione, i tre passeggeri mentre gli occupanti dell’altra auto, abbandonato il mezzo, all’interno di un garage, si sono dileguati per le vie limitrofe.

Remo Arcarisi

Remo Arcarisi

I Carabinieri della Compagnia di Giarre hanno, quindi, arrestato a bordo della propria auto in via Alfieri (una Bmw), in flagranza, Leonardo Antonino Parisi, 44 anni, ritenuto appartenente al clan Laudani, T. G., 31 anni, e, dopo un breve inseguimento a piedi, Remo Arcarisi, 25 anni, per tentato omicidio, resistenza a pubblico ufficiale e porto abusivo di arma comune da sparo e si ha motivo di ritenere che i tre uomini siano solo parte del commando di fuoco.
Gli arrestati sono stati associati al carcere di Catania piazza Lanza

Le indagini sono coordinate dal dott.Marco Bisogni.

Potrebbero interessarti anche