Catania
23°

Catania, controlli a tappeto nelle strutture ricettive

Catania, controlli a tappeto nelle strutture ricettive

Nell’ambito dell’implementazione dei servizi di controllo sulla regolarità dell’attività esercitata dalle strutture ricettizie nel territorio della provincia etnea, agenti del commissariato Borgo Ognina hanno portato a termine un’attività di accertamento presso un B&B della zona Barriera-Fasano.

All’interno dell’esercizio, i poliziotti hanno trovato alcuni ospiti di nazionalità svedese i quali non erano stati debitamente registrati presso il “Portale Alloggiati” della Polizia di Stato che permette alle FF.O. di rilevare la presenza sul Territorio Nazionale di persone che possano essere considerate sospette, sotto il profilo della criminalità o del terrorismo.

Attesa che tale segnalazione avviene, come disposto per legge, entro 24 ore dall’arrivo presso la struttura ricettiva e con il semplice utilizzo dello strumento informatico, vista anche la delicatezza del tema della sicurezza antiterrorismo, il titolare del B&B è stato indagato in stato di libertà per il reato connesso alla condotta omissiva, come previsto dal Testo Unico di Pubblica Sicurezza.

Inoltre, col sospetto che la mancata segnalazione celasse anche una evasione fiscale, il medesimo titolare è stato segnalato alla G.d.F. che provvederà ai controlli tributari.

A seguire, nell’ambito del piano d’azione modello Trinacria per il contrasto della criminalità diffusa, con la partecipazione di unità operative del Reparto Prevenzione Crimine Sicilia Orientale, sono state controllati 86 veicoli e 28 persone; sono state comminate 22 sanzioni per infrazioni al Codice della Strada, per un totale di circa 6000,00 euro. Ancora una volta, molte sono state le contestazioni per mancanza di assicurazione Responsabilità Civile, di revisione dei veicoli e per il mancato uso del casco protettivo.

Controllate anche 16 persone sottoposte a misure restrittive domiciliari.

Potrebbero interessarti anche