Catania

Commovente saluto alla giovane studentessa mascalese Ambra Pulvirenti

Commovente saluto alla giovane studentessa mascalese Ambra Pulvirenti

Un prato verde, una distesa di fiori bianchi hanno accolto la bara di Ambra Pulvirenti, la diciottenne, deceduta dopo lo scontro frontale tra una Bmw e una Volkswagen Fox , avvenuto martedì notte 5 settembre in via Stabilimenti a Santa Venerina.

Ambra, di Mascali, studentessa all’Istituto Commerciale Edoardo Pantano di Riposto è deceduta in ospedale, al Vittorio Emanuele di Catania, dove era stata ricoverata dopo l’incidente nel quale aveva riportato gravi ferite in diverse parti del corpo.

Nell’impatto erano rimaste ferite sette persone, tra queste il padre di Ambra, Giovanni alla guida della Fox ancora in coma farmacologico e la madre Fiorella tutt’ora  ricoverata in ospedale con fratture multiple agli arti e alla quale nessuno ha avuto il coraggio di dire che la figlia non c’è più.

Questo pomeriggio si sono svolti i funerali d Ambra. La sua bara ricoperta di fiori bianchi, è stata disposta davanti all’altare centrale della chiesa Madre S.Leonardo Abate di Mascali. Ad attenderla una platea di visi scuri, tristi e addolorati che ormai non avevano più lacrime da versare e l’arciprete parroco Padre Rosario Di Bella e padre Alfio Vasta che hanno officiato il rito funebre.

Il fratello Rosario, i nonni, gli zii, gli amici, i compagni di scuola e molte altre persone che hanno avuto la fortuna di conoscerla anche solo per qualche minuto, come me, hanno salutato in religioso silenzio la loro Ambra. “Una vita strappata così tragicamente all’affetto dei propri cari. Una ragazza bella, dolce, buona, sensibile, riservata e meravigliosamente solare”, questa era Ambra.

Nell’omelia, celebrata in un silenzio assordante, squarciato solo da qualche singhiozzo, padre Di Bella ha affidato l’anima di Ambra a Cristo perché la sua giovinezza rifiorisca in Paradiso.

“La Parola di Dio ci dia la forza per andare avanti , perché possiamo conoscere per sommi capi il nostro avvenire, progettando quello che vogliamo fare, ma non conosciamo il nostro futuro che è un mistero ed è rimesso nelle mani di Dio”- ha detto padre Di Bella che ha esortato a pregare per i suoi genitori e perché Dio accolga Ambra nella Sua Casa e nella sua Gloria rifiorisca. “A noi, che oggi soffriamo per questo distacco un giorno ci riuniremo con lei per sempre. La Comunione con i nostri cari non si spezza con la morte, Ambra sarà sempre presente nei nostri cuori”.

“Buon Viaggio”, ha detto la sua amica Clarissa. “Non avere paura”, ha detto Arianna un’altra sua compagna di scuola. Due delle tante amiche e compagni che si sono uniti al dolore dei familiari e che all’uscita del feretro hanno fatto volare in cielo dei palloncini bianchi e intonato la canzone di Eros Ramazzotti “E’ per te”.

Perché sono per te le nostre preghiere, perché sono per te le nostre lacrime, perché non ti scorderemo mai. Grazie Ambra per averci regalato almeno una volta il tuo sorriso.

Angela Di Francisca

Potrebbero interessarti anche