Catania
15°

Francavilla di Sicilia: una piazzetta “fantasma” in contrada Barilaro

Francavilla di Sicilia: una piazzetta “fantasma” in contrada Barilaro

Malgrado durante le serate estive sia frequentata da tanti giovani, è caduta da tempo immemorabile nel dimenticatoio di chi dovrebbe garantirne il decoro, la pulizia e la sicurezza. Una delegazione di mamme, preoccupate per i rischi che potrebbero correre i loro figli, intende sottoporre la questione al sindaco Enzo Pulizzi

Il nuovo sindaco di Francavilla di Sicilia Vincenzo Pulizzi, insediatosi poco più di un mese fa, ha imperniato questa fase iniziale del suo mandato amministrativo sulla pulizia e sul decoro urbano della cittadina dell’Alcantara. In queste settimane, dunque, dipendenti comunali nonché benemeriti volontari hanno ridato dignità a diversi angoli del paese che versavano da tempo in stato di degrado.

Ma come lamentano diverse mamme, che nelle prossime ore contano di investire ufficialmente della questione il primo cittadino, continua ad essere totalmente ignorato quello che è assurto a luogo di ritrovo serale per tanti giovani francavillesi benché non sia stato mai preso in considerazione da alcun pubblico amministratore.

Trattasi, infatti, di uno slargo ubicato in contrada Barilaro, alla periferia del centro abitato, scarsamente visibile dalla strada in quanto piuttosto internato, anche se facilmente raggiungibile da un viottolo che costeggia una nota rivendita di materiali per l’edilizia.

In tale area, corredata da diversi sedili in pietra, parecchi giovani del paese, come prima accennavamo, amano trascorrere le serate estive, spesso trattenendosi sino alle cosiddette “ore piccole”, con viva apprensione dei loro genitori.

«In effetti – spiega una mamma – questo slargo potrebbe essere un ulteriore luogo di ritrovo per tutti i francavillesi, al pari delle altre piazze ed aree pubbliche presenti nel nostro Comune. Tuttavia è privo di illuminazione e nessuno si degna di pulirlo e di curarne la vegetazione. Mia figlia è una ragazza assolutamente tranquilla e senza grilli per la testa, ma in quel luogo tenebroso, privo di videosorveglianza e lasciato nella sporcizia più totale, lei e gli altri giovani frequentatori rischiano di imbattersi in situazioni poco piacevoli e pericolose. Per quanto ci riguarda, io e mio marito, dopo aver cenato, siamo soliti metterci in macchina per andare a dare un’occhiata a questo piazzale, peraltro inesistente nella toponomastica cittadina, ed assicurarci che non succeda nulla di “strano”. Nei prossimi giorni, comunque, una delegazione di noi genitori intende incontrarsi col sindaco di Francavilla per sollecitargli la dovuta attenzione verso quest’angolo di territorio completamente “dimenticato”, ormai da tempo immemorabile, dalle istituzioni locali».

Rodolfo Amodeo          

Potrebbero interessarti anche