Catania
31°

Acireale: crolla intonaco dal tetto della Cattedrale durante un matrimonio. Due feriti

Acireale: crolla intonaco dal tetto della Cattedrale durante un matrimonio. Due feriti

Un trentenne portatore di handicap e un bambino di un anno sono rimasti feriti nel crollo di un pezzo di intonaco dalla forma circolare, dal diametro di un metro, dal tetto del Duomo di Acireale. In chiesa si stava celebrando un matrimonio. La funzione è stata sospesa ed è ripresa dopo che la zona della chiesa interessata dal crollo è stata messa in sicurezza dalla polizia del locale commissariato.

L’uomo, con una vasta ferita lacero contusa alla testa, e il bambino, apparentemente senza lesioni, sono stati portati con un’ambulanza nell’ospedale Cannizzaro di Catania. Altre tre persone sono state medicate sul posto. La chiesa è assicurata.

Il piccolo che ha riportato un trauma cranico grave con frattura scomposta pluriframmentaria dell’osso frontale è stato trasferito d’urgenza, con un elicottero del 118, al Policlinico di Messina. E’ ricoverato nel reparto di terapia intensiva con la prognosi riservata. I suoi genitori sono stati condotti a Messina con una volante della polizia di Stato del commissariato di Acireale.

Al Cannizzaro di Catania si trova l’uomo, portatore di handicap, in codice giallo, anche lui colpito dall’intonaco, che ha riportato un trauma cranico e ferite lacero contuse.

Il Duomo è stato dichiarato agibile dai vigili del fuoco che hanno messo in sicurezza la zona del Duomo interessata dal crollo, la navata sinistra della chiesa. Sul post è intervenuto personale del commissariato della polizia di Stato di Acireale che ha avviato le indagini coordinate dalla Procura di Catania.

Il piccolo che ha riportato un trauma cranico grave con frattura scomposta pluriframmentaria dell’osso frontale è stato trasferito d’urgenza, con un elicottero del 118, al Policlinico di Messina. E’ ricoverato nel reparto di terapia intensiva con la prognosi riservata. I suoi genitori sono stati condotti a Messina con una volante della polizia di Stato del commissariato di Acireale.

Si dice dispiaciuto il sindaco di Acireale Roberto Barbagallo per quanto accaduto in Cattedrale nel pomeriggio di oggi: “Le prime notizie ci confortano, sembrerebbe infatti che il bambino e l’adulto colpiti dal crollo di intonaco durante la celebrazione di un matrimonio non siano feriti gravemente. Ciò premesso è d’obbligo aprire una riflessione. Alcune delle nostre meravigliose e antichissime basiliche hanno bisogno di manutenzione straordinaria. Seppur di proprietà della Curia, sono beni architettonici preziosi ed edifici pubblici, dove ogni giorno si radunano decine e decine di cittadini e turisti. L’Amministrazione comunale acese in questi anni ha provato ed è riuscita ad intercettare due importanti finanziamenti che consentiranno interventi importanti nella chiesa di San Michele e nella chiesa di Aci Platani, ma dobbiamo riconoscere che da parte dell’Assessorato regionale e del ministero ai Beni Culturali ci sono poche possibilità di accedere alle risorse per i beni ecclesiastici. E’ bene dunque sollecitare Regione e Governo a una maggiore sensibilità, le nostre chiese, seppur di proprietà della Curia, sono a tutti gli effetti edifici pubblici, devono essere innanzitutto sicuri e vanno tutelati e valorizzati perché parte importante del nostro patrimonio artistico e architettonico”.

 

Potrebbero interessarti anche