Mascali, pignoramenti dei conti correnti per gli utenti morosi. Scatta la protesta -
Catania
15°

Mascali, pignoramenti dei conti correnti per gli utenti morosi. Scatta la protesta

Mascali, pignoramenti dei conti correnti per gli utenti morosi. Scatta la protesta

Da qualche giorno campeggia a Mascali il manifesto pubblico a firma dei consiglieri di opposizione di “Progetto Sicilia” e “Amore per Mascali” che denuncia il blocco e i pignoramenti dei conti correnti degli utenti mascalesi morosi, operati dalla Sogert, la società di recupero delle imposte locali affidataria del servizio di riscossione da parte del Comune. In più occasioni, in sede di consiglio comunale, opposizione e maggioranza avevano sollevato il grosso problema del recupero delle imposte locali.

Ora, i gruppi consiliari di minoranza pongono nuovamente l’attenzione su questo problema ritenendo però “inaccettabile che l’Amministrazione del sindaco Luigi Messina non tenga conto delle difficoltà economiche di famiglie, disoccupati, pensionati e di attività commerciali che da un giorno all’ altro sono stati privati della disponibilità dei loro risparmi con il blocco dei conti correnti.

L’Amministrazione Messina ha infatti affidato alla società di recupero imposte locali Sogert, il recupero delle imposte non pagate dagli utenti morosi bloccando anche, in alcuni casi,  il loro conto corrente”, si legge nel manifesto a firma dei due gruppi.

“I pignoramenti da parte della Sogert stanno mettendo in ginocchio i cittadini mascalesi economicamente più deboli, è inaccettabile che l’Amministrazione del sindaco Luigi Messina non tenga conto delle difficoltà economiche di famiglie e attività commerciali – ad affermarlo è il consigliere capogruppo di Progetto Sicilia Rosario Tropea che solleva delle perplessità anche sulla regolarità dell’affidamento del servizio di riscossione alla  Sogert, chiedendo inoltre alla stessa società e all’Amministrazione l’attivazione di sportelli che possano dare risposte giornaliere ai contribuenti che invece sono costretti a file interminabili davanti agli uffici comunali. Chiediamo – dice Tropea-  la verifica di queste imposte recapitate ai cittadini che presentano errori nel conteggio e dei pagamenti già effettuati dall’utenza”.

“Il Comune – afferma il primo cittadino mascalese Messina – si è attivato per la riscossione dei tributi locali perché azione necessaria a scongiurare il tracollo finanziario dell’Ente. Negli anni, la stessa opposizione, oltre che la maggioranza e i revisioni dei conti, hanno invitato l’Amministrazione ad attivare le procedure di riscossione in quanto il mancato incasso dei tributi – spiega Messina- penalizza i servizi che il Comune deve erogare alla collettività.

Le varie procedure di sollecito e riscossione del pagamento degli anni pregressi sono state attivate ed eseguite dagli stessi uffici finanziari nel rispetto delle norme di legge e la Sogert sta cercando di venire incontro, dove possibile, alle esigenze degli utenti che versano in  difficoltà economica e che – dice Messina – potranno rivolgersi agli uffici comunali preposti e ai funzionari Sogert nelle giornate di giovedì mattina, dalle ore 9 alle  12 e lunedì pomeriggio, dalle ore 15,15 alle 17”.

 

 

 

Potrebbero interessarti anche