Giarre, l'ennesima tegola per l'Amministrazione Cantarella: decine di ordinanze di sgombero emesse all'insaputa del sindaco? -
Catania
23°

Giarre, l’ennesima tegola per l’Amministrazione Cantarella: decine di ordinanze di sgombero emesse all’insaputa del sindaco?

Giarre, l’ennesima tegola per l’Amministrazione Cantarella: decine di ordinanze di sgombero emesse all’insaputa del sindaco?

Sarebbero 100 le ordinanze emesse in questi giorni con cui si intimano i nuclei familiari residenti in diversi insediamenti abitativi di proprietà dell’Iacp di Acireale di lasciare entro 10 giorni la notifica del provvedimento, le proprie abitazioni.

Nell’ordinanza dirigenziale dell’Area tecnica del Comune, diramata sulla scorta di una richiesta avanzata dall’Iacp,  si ribadisce la necessità di adottare con urgenza tutti gli atti di competenza, al fine dell’estromissione degli occupanti abusivi. Gli inquilini raggiunti dalle ordinanze risiedono in diverse palazzine (corso delle Province, via Settembrini, via Romagna e altri immobili sparsi nel territorio comunale). A loro si contesta la morosità dei pagamenti dei canoni di locazione, l’occupazione senza titolo degli alloggi e per mancanza dei requisiti.

L’ordinanza dirigenziale si richiama a precedenti note della Prefettura di Catania del 2018, con le quali si investiva il Comune della problematica delle occupazioni abusive di immobili.

L’Amministrazione  comunale ha appreso dell’iniziativa solo a provvedimenti già assunti. Dall’Ufficio legale dell’Ente si apprende che il provvedimento per la sua portata non ha precedenti e avrebbe gravi profili di illegittimità. Partendo dal presupposto che “la proprietà degli alloggi, appartiene ad altro Ente, ovvero l’Iacp, esclusivamente competente ad emettere ordinanze di questa tipologia, salvo che gli alloggi da sgomberare siamo stati oggetto di apposito provvedimento amministrativo di assegnazione da parte del Comune, insussistenti nel caso di specie. Ed infatti, allo stato, tali alloggi, una volta liberati, in assenza oltretutto di una graduatoria, non saranno oggetto di alcuna occupazione legittima”.

Tutte le ordinanze, a firma della dirigente tecnica, ing.Pina Leonardi, sono state contestate dall’avv.Elena Pulvirenti (Sunia) e dichiarate illegittime in violazione del DPR 1935/72 e della legislazione regionale. “Lo Iacp di Acireale – si legge in una nota –  in violazione della legislazione nazionale e regionale non ha provveduto a istruire le pratiche in sanatoria, così, tutte le pratiche inerenti alla volturazione dei contratti di locazione e in violazione delle normative riguardanti l’assegnazione (gestione Edilizia  Residenziale Pubblica), ha chiesto al Comune l’emissione dell’ordinanza di sgombero”.  E sulle spese legali sostenute dai residenti, nel caso in cui dovesse emergere che si tratta di atti illegittimi, non si escludono prese di posizione dell’amministrazione, pronta a metterle a carico di chi ha creato un danno economico all’ente comunale già in dissesto.

Potrebbero interessarti anche