Giarre, Consiglio comunale convocato per la sola attività ispettiva -
Catania
13°

Giarre, Consiglio comunale convocato per la sola attività ispettiva

Giarre, Consiglio comunale convocato per la sola attività ispettiva

L’attività ispettiva dei consiglieri è stato il tema portante dell’ultima seduta del Consiglio comunale a Giarre, nel corso del quale l’attenzione è stata in parte riposta sugli imminenti cantieri per la riqualificazione delle strade ammalorate e costellate da pericolose buche e le criticità gestionali del pronto soccorso dell’ospedale Sant’Isidoro. Dai banchi dell’opposizione il consigliere Carmelo Strazzeri ha sollecitato l’amministrazione a velocizzare i tempi, in vista della stagione delle piogge, per la programmazione della pulizia delle caditoie stradali.  Strazzeri ha anche posto l’accento sulla necessità di ripristinare il servizio di scuolabus riservato agli studenti che frequentano scuole prive di palestre e che attraverso i mezzi comunali raggiungono altri impianti sportivi.

Il consigliere Leo Patanè, come Strazzeri, si è soffermato sulla condizione delle strade chiedendo all’amministrazione di conoscere l’elenco di quelle che saranno oggetto degli interventi manutentivi e, in questo senso, d’intesa con la Quinta Commissione, semmai ve ne fossero ancora i margini, apportare delle modifiche all’elenco, suggerendo, eventualmente, altre strade martoriate.  Il consigliere d’opposizione Alfio Tomarchio ha espresso il proprio rincrescimento sulla mancata risposta alle proprie interrogazioni che, nel corso di quasi un anno, non hanno trovato alcuna risposta dall’amministrazione. Un ingiustificato ritardo che suona come una mancanza di rispetto anche dei cittadini. Il sindaco Leo Cantarella, dal canto suo, intervenendo, si è assunto l’incarico di sollecitare i propri assessori a rispondere, come giusto, alle attività ispettive di Tomarchio.  Dagli scranni della maggioranza il consigliere Antonio Camarda ha posto l’attenzione sul mancato coinvolgimento dei cittadini al bilancio partecipato. Sul tema ha subito replicato l’assessore alle Politiche sociali, Giusi Savoca che ha manifestato il proprio disagio allorquando le manifestazioni di interesse per l’adesione alla democrazia partecipata sono andate puntualmente deserte.

Le carenze del pronto soccorso – che risente di un numero ridotto di medici – sono state poi il tema di una seconda attività ispettiva del consigliere Leo Patanè chiedendo quali azioni l’amministrazione intende portare avanti a fronte di una situazione preoccupante in termini di offerta dei servizi al Sant’Isidoro. Il sindaco Cantarella replicando in aula, ha ribadito l’impegno profuso dall’amministrazione che si è attivata una volta appreso delle criticità. Il primo cittadino ha informato i consiglieri che per il 25 prossimo è stato programmato un tavolo operativo con il direttore generale dell’Asp. “Chiederemo anche un confronto con il nuovo assessore regionale alla Sanità”. E in tema di ospedale, il consigliere di maggioranza Angelo Spina, ha ribadito la necessità di istituire una commissione di studio sul presidio sanitario “così da seguire costantemente le vicende del sanatorio”.

Potrebbero interessarti anche