Rovettazzo, scattate oggi le verifiche interforze nel quartiere popolare VIDEO -
Catania
11°

Rovettazzo, scattate oggi le verifiche interforze nel quartiere popolare VIDEO

Rovettazzo, scattate oggi le verifiche interforze nel quartiere popolare VIDEO

VIDEO OPERAZIONE INTERFORZE A ROVETTAZZO

Stamane alle 9 a Trepunti è scattata la programmata operazione interforze nel quartiere popolare di via Strada 18 a Rovettazzo e successivamente nel centro diurno di via Berlinguer.

Quella di oggi non è stato uno sgombero coatto, ma una verifica generale dello stato dei luoghi. Così come stabilito nell’ultimo tavolo tecnico in municipio;  sono state effettuate una serie di controlli,  alla presenza dei tecnici dell’Iacp e dei Vigili del fuoco.

Presenti anche il sindaco Leo Cantarella e l’assessore alle Politiche sociali, Giusi Savoca. In supporto anche i carabinieri della locale Compagnia e la polizia locale.

Gli accertamenti in questa fase hanno riguardato le tre palazzine popolari che, per ragioni di sicurezza, dovranno essere liberate dagli inquilini, per consentire l’apprestamento del cantiere di ristrutturazione dell’Iacp nell’ambito del quale è prevista anche la demolizione e ricostruzione ex novo di uno dei plessi edilizi.

Stamane i Vigili del fuoco, limitatamente alla palazzina oggetto della demolizione, hanno assistito in sicurezza i proprietari degli alloggi, allo svuotamento della mobilia ancora presente in casa e nei garage.

Per gli assegnatari di Rovettazzo si profila la soluzione di un trasloco collettivo in un complesso edilizio di Fondachello, individuato dall’Iacp.

L’operazione si è poi spostata nel centro diurno comunale di via Berlinguer. Qui, da oltre due anni, occupano un’ala della struttura tre nuclei familiari sfollati da Rovettazzo. In questo caso c’è stata invece la ferma opposizione delle tre famiglie, di cui una con presenza di bambini in tenera età, che hanno rappresentato il proprio diniego all’ipotesi di trasferirsi a Fondachello, poiché comporta loro pesanti disagi. Il sindaco Cantarella si è riservato di procedere nei loro confronti e si profila l’ipotesi di individuare degli alloggi alternativi a Giarre.

Potrebbero interessarti anche