Riecco la "vecchia" Gettonopoli di Giarre, avviato l'iter per la restituzione delle somme -
Catania
34°

Riecco la “vecchia” Gettonopoli di Giarre, avviato l’iter per la restituzione delle somme

Riecco la “vecchia” Gettonopoli di Giarre,  avviato l’iter per la restituzione delle somme

L’assessorato regionale delle Autonomie locali, nei mesi scorsi, poco dopo  l’insediamento della nuova amministrazione guidata da Leo Cantarella,  con una nota indirizzata al sindaco, al segretario generale dell’Ente e alla Procura regionale della corte dei conti, sulla scorta del pronunciamento del Tar di Catania che ha decretato l’inammissibilità del ricorso – con il quale, la precedente amministrazione, aveva chiesto l’annullamento, previa sospensione cautelare, degli effetti, degli esiti e delle contestazioni d’addebito contenuti nell’accertamento ispettivo della Regione – ha sollecitato l’Amministrazione a riattivare il recupero dei gettoni di presenza non dovuti ai consiglieri del precedente quinquennio, attraverso l’adozione dei relativi provvedimenti.

Recupero che, tuttavia, è rimasto bloccato per mesi, anche in considerazione dell’avvenuto riassetto organizzativo dell’Ente comunale oltre ad un rallentamento anomalo nel passaggio delle consegne da parte della dirigente competente, Letizia Nanì, alla quale era stato richiesto di produrre un’esauriente relazione sugli atti adottati e prodotti. Che però non è stata trasmessa.

Da qui l’accelerazione del segretario generale Marco Puglisi che con l’individuazione del nuovo responsabile del procedimento (Clara Mirabella), ha riattivato l’iter, con buona pace di chi sperava che la vicenda potesse rimanere ancora coperta dalla naftalina. Una mossa, quella del segretario Puglisi, che, tuttavia, a pochi giorni dalla clamorosa vicenda dell’Iva dell’ente comunale non versata per 5 anni,  ha tutto il sapore di riaffermare la propria autonomia, al netto delle insofferenze politiche.

E nel dettaglio, Puglisi, ha reso concreta la comunicazione di avvio del recupero delle somme relative all’irregolare erogazione del gettone di presenza ai consiglieri comunali per la partecipazione alle commissioni consiliari, nella qualità di capigruppo e/o delegati/sostituti.

Potrebbero interessarti anche