Strisce blu a Giarre, verso la revoca del contratto e il lancio di una nuova gara -
Catania
35°

Strisce blu a Giarre, verso la revoca del contratto e il lancio di una nuova gara

Strisce blu a Giarre, verso la revoca del contratto e il lancio di una nuova gara

Cresce la preoccupazione dei lavoratori delle strisce blu a Giarre.  il 31 maggio prossimo diventa realtà la risoluzione del rapporto di lavoro con la società Giarre parcheggi che gestisce l’appalto relativo alla sosta a pagamento nel territorio comunale.

Nelle scorse settimane la società Giarre parcheggi, attraverso una comunicazione alla Filcams Cgil, aveva confermato l’intenzione “di cessare la propria attività, dando seguito alla messa in liquidazione”, tuttavia, senza pero avviare il dovuto contraddittorio con l’amministrazione comunale. A tutti i dipendenti, invece, è stata recapitata una lettera di pre licenziamento, confermando “la cessazione del rapporto lavorativo per giustificato motivo oggettivo, in considerazione della totale cessazione dell’attività imprenditoriale tale da non poterla più adibire ad attività lavorativa”. La Filcams, nei giorni scorsi, ha inoltrato alla Giarre parcheggi una nota con cui si chiedevano le ragioni delle determinazioni assunte, informando che tutti i dipendenti avevano manifestato la volontà di autorizzare la sigla sindacale di categoria a procedere con l’impugnativa del licenziamento e all’avvio di un ricorso giudiziale.

La Giarre parcheggi, a sua volta, in una nota trasmessa alla Filcams ha reso noto che “con pec del 9 maggio scorso, ha comunicato al Comune di Giarre la risoluzione di diritto della concessione dei parcheggi “strisce blu” a Giarre a causa di inadempimenti dello stesso ente locale a far data 31 maggio prossimo. E che pertanto, in pari data, cesserà ogni attività con conseguente risoluzione del rapporto di lavoro con i propri dipendenti, cosi come già comunicato individualmente ai lavoratori.

“L’amministrazione resta dell’avviso di procedere alla risoluzione del contratto con la Giarre parcheggi, visti i gravi inadempimenti della medesima e le non meglio  motivate ragioni dell’abbandono unilaterale del servizio.  Le inadempienze che la Giarre parcheggi ci contesta – afferma l’assessore al Patrimonio, Giuseppe Cavallaro –  sono, invero ed al contrario, alla medesima esclusivamente addebitabili, stante l’evidente insostenibilità aziendale, sia dal punto di vista economico che organizzativo. Si aggiunga, inoltre, che il Comune di Giarre vanta nei confronti della società Giarre parcheggi,  ingenti crediti tributari che il Comune ha intenzione di recuperare o di azionare in compensazione, anche sulla scorta dell’esito dell’arbitrato (che ha riconosciuto alla società somme ben inferiori a quelle richieste) e che comunque non è mai stato portato mai formalmente in esecuzione.  Il nostro intendimento – ragiona l’assessore Cavallaro – è quello di assicurare la tutela dei lavoratori e, in questo senso, faremo di tutto per dare continuità al servizio, garantendo il proseguo delle attività. Nel pieno rispetto delle normative – conclude l’assessore – procederemo alla gestione diretta del servizio, con una gara ad evidenza pubblica, ivi prevedendo un patto sociale a garanzia dei lavoratori. In questo quadro i legali dell’ente stanno approntando un atto di indirizzo da approvare in giunta, garantendo e tutelando il sistema occupazionale connesso”.

Potrebbero interessarti anche