Giarre, la Festa della Liberazione, il Prefetto: "Celebriamo la nostra libertà" VIDEO -
Catania
24°

Giarre, la Festa della Liberazione, il Prefetto: “Celebriamo la nostra libertà” VIDEO

Giarre, la Festa della Liberazione, il Prefetto:  “Celebriamo la nostra libertà”  VIDEO

Dinanzi al monumento ai Caduti di piazza Alessi si è svolta questa mattina la sobria cerimonia istituzionale della Festa della Liberazione, organizzata dalla Prefettura. Lo schieramento interforze è stato dispiegato nello slargo antistante il monumento nel cui frontespizio è stata collocata una corona d’alloro, in corrispondenza dell’intersezione tra via Callipoli e via Pirandello.

Il prefetto di Catania Librizzi, nel corso del proprio intervento,  ha rimarcato il senso della Festa:  “E’ il giorno in cui noi celebriamo la nostra libertà e la nostra democrazia che sono i principi cardine fondamentali della nostra Costituzione e che costituiscono un impegno a rispettarla, a far si che questa libertà non ci sia mai privata. Abbiamo attraversato e riportiamo ancora le ferite della pandemia; abbiamo un futuro angoscioso legato ad una guerra che ci è così vicina, la guerra in Ucraina, rispetto alla quale – ha osservato il prefetto – però non posso che ringraziare le collettività tutte, le comunità e, in primo luogo Giarre, per avere dimostrato una grande disponibilità, una grande accoglienza e generosità nei confronti dei profughi ucraini”.

Il sindaco Leo Cantarella, nel suo intervento si è soffermato sul valore della ricorrenza: “Quella che stiamo celebrando è la festa della speranza, della civiltà. La festa di tutti coloro che credono nei principi che, sono alla base del nostro stato di diritto. La festa di chi ha creduto nella rinascita del nostro Paese e dell’Europa, come fulcro di pace tra i popoli e di benessere sociale”.

Potrebbero interessarti anche