Giarre, effetto "scollamento". L'Amministrazione perde l'occasione di adererire a un bando. Rimedia l'Iacp -
Catania
12°

Giarre, effetto “scollamento”. L’Amministrazione perde l’occasione di adererire a un bando. Rimedia l’Iacp

Giarre, effetto “scollamento”. L’Amministrazione perde l’occasione di adererire a un bando. Rimedia l’Iacp

Potrebbe trattarsi dell’effetto scollamento tra amministrazione Cantarella e l’Area tecnica. Il Comune di Giarre non è riuscito a partecipare ad un importante bando promosso  dall’assessorato regionale delle Infrastrutture denominato “Sicuro, verde e sociale”, nell’ambito del Programma di Riqualificazione dell’Edilizia Residenziale Pubblica, finalizzato all’incremento e alla riqualificazione di unità immobiliari destinate a servizi abitativi pubblici, ponendosi l’obiettivo di migliorare l’efficienza energetica, la resilienza e la sicurezza sismica del patrimonio di edilizia residenziale pubblica, attraverso il finanziamento di proposte progettuali presentate dagli Istituti Autonomi per le Case Popolari e dai Comuni proprietari di patrimonio abitativo pubblico. Scaduto lo scorso 28 dicembre, l’Amministrazione comunale giarrese, non è riuscita a sfruttare l’importante occasione offerta dalla Regione.

La versione fornita d’amministrazione non è del tutto convincente. Il vice sindaco e assessore ai Lavori pubblici, Claudio Raciti, si giustifica affermando che “il Comune è proprietario di alcuni singoli immobili e non di intere palazzine in quanto, nel corso degli anni, gli inquilini hanno riscattato alcuni alloggi”. Da qui, dunque, l’impossibilità di aderire al bando regionale, ottenendo il finanziamento  attraverso cui si risponde alle necessità abitative delle fasce di popolazione più svantaggiate, migliorando l’efficienza energetica, la resilienza e la sicurezza sismica del patrimonio abitativo, nonchè la condizione sociale nei tessuti residenziali pubblici. Interventi finanziati, come detto, dalla Regione, assessorato Infrastrutture, finalizzati a creare abitazioni sismicamente più sicure, energeticamente più efficienti e meno inquinanti e socialmente più eque. Al bando “Sicuro, verde e sociale” ha aderito l’Iacp di Acireale che, si apprende, ha inserito il progetto di ristrutturazione delle palazzine popolari di via Gorizia, nello sterminato quartiere popolare Jungo a Giarre. Si piange con un occhio.

Potrebbero interessarti anche