È Natale, poesia del poeta Rosario La Greca -
Catania
11°

È Natale, poesia del poeta Rosario La Greca

È Natale, poesia del poeta Rosario La Greca

Del Natale amiamo tutto, i colori, le luci che illuminano le città, gli addobbi natalizi e festosi in tutte le case, l’aria un pò frizzantina, le musiche nei negozi e nelle vetrine scintillanti,  ma soprattutto amiamo la gioia dei bambini nel vedere e aspettare la magica notte in cui nascerà Gesù Bambino.

Papa Francesco ci ricorda che “La bellezza del Natale traspare nella condivisione di piccoli gesti di amore concreto. Non è alienante, non è superficiale, non è evasiva; al contrario, allarga il cuore, lo apre alla gratuità, al dono di sé, e può generare anche dinamiche culturali, sociali ed educative”.

Quest’anno sarà ancora un Natale diverso. Vaccini, misure di contenimento e super green pass, prosegue l’itinerario di un viaggio che si sperava al termine. In Italia sono tornati i mercatini, gli alberi nelle piazze e le luminarie, è ripreso lo shopping e l’allegria dei locali. Nel giorno dell’Immacolata Papa Francesco ha detto  “In quella casetta a Nazaret palpitava il cuore più grande che una creatura abbia mai avuto”. “Il Signore, per compiere meraviglie, non ha bisogno di grandi mezzi e delle nostre capacità eccelse, ma della nostra umiltà, del nostro sguardo aperto a Lui e agli altri. Con quell’annuncio, tra le povere mura di una piccola casa, Dio ha cambiato la storia…”.

Per omaggiare il S. Natale, che è il periodo più magico dell’anno, il poeta Rosario La Greca di Brolo ha composto una poesia, che di seguito pubblichiamo:

È  NATALE

È Natale,

il Celeste Bambino

vagisce sulla misera paglia,

melodie di pace cantano gli Angeli

discesi dal cielo trapuntato di stelle,

accorrono solleciti i pastori

alla culla del Re dei Re.

Nella notte Santa le campane

suonano a festa,

i fedeli si dirigono in Chiesa,

si purificano le anime,

palpitano i cuori,

il Paradiso è disceso sulla terra.

Sognano i bambini,

gli anziani provano nostalgici ricordi,

gli uomini si sentono più buoni

e disponibili verso i fratelli

vicini e lontani, che vorrebbero pane,

ma pane non hanno.

È Natale,

è festa del dono tra i fratelli,

solennità gioiosa di accoglienza ed amicizia.

E sia così non solo a Natale,

ma per tutto l’anno,

per tutti gli anni,

per sempre.

Rosario La Greca

Potrebbero interessarti anche